28 Giugno 2020 – IV Domenica dopo Pentecoste (anno A)

Si può anche sopportarla e perfino subirla, ma la vita va affrontata e interpretata. Essa rimane un contenitore, più o meno ampio secondo il tempo e le possibilità che vengono concesse, ma tocca a noi colmarla di scelte belle, giuste e nuove, donarle chiarezza e continuità, renderla accessibile a tutti ed escludere di intenderla in modo possessivo.

Anche oggi il messaggio di Dio si ricollega alle origini, allo splendore della creazione e alla possibilità di fraintenderlo e di sciuparlo, rovinando così la gioia di essere insieme. Molti insegnamenti di Gesù nei Vangeli sono dedicati al valore della vigilanza, della fedeltà e della perseveranza: sono queste virtù che riescono a rendere la vita un’esperienza felice.

don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_28062020

Partecipiamo alla preghiera :IN OGNI SCELTA RENDICI CONSAPEVOLI !

Diversamente da quanto possiamo pensare, Dio non si pente dell’opera creata e tanto meno dei suoi figli. Offrendo continue occasioni di saggezza e di rinnovamento, chiede di costruire ogni comunità ecclesiale come un’arca che salva la vita e la fede di tanti. PREGHIAMO:

Il tempo della pandemia è stato utile per riflettere sul senso della vita e per assumere il tuo invito a ravvivarla, rendendola disponibile. Aiutaci a realizzare i nuovi propositi e sostienici nel non ricadere nella superficialità, nell’individualismo e nei pregiudizi. PREGHIAMO:

Camminare secondo lo Spirito è un percorso che richiede un paziente esercizio fatto di attese, di soste e di ripartenze, di verifiche e di svolte. Le scelte per l’estate, in oratorio e in famiglia, siano passi avanti per ragazzi, giovani e anche adulti nella direzione giusta. PREGHIAMO:

“Vegliate e pregate!” consigliava Gesù. La preghiera ci guidi al dominio di noi stessi e ad un saggio uso del tempo. Il Signore mantenga vivi accanto a sé MILENA BARZAGHI, MARIA ROSA BATTOCCHIO, LILLO COSTANZA e quanti hanno vigilato su noi con amore. PREGHIAMO

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

21 Giugno 2020 – III Domenica dopo Pentecoste (anno A)

“Rivolgo un invito urgente a rinnovare il dialogo sul modo con cui stiamo costruendo il futuro del pianeta – scriveva papa Francesco cinque anni fa nell’Enciclica Laudato si’ “sulla cura della casa comune” – sapendo che il Creatore non ci abbandona, non fa mai marcia indietro nel suo progetto, non si pente di averci creato”.

Considerando le origini della storia, nella quale Dio entra per darle valore con il suo Spirito creativo, siamo invitati a scorgere e a volere quel bene che non tocca a noi stabilire, perché sarebbe parziale e arbitrario, ma che è frutto della sua sapienza e di quello stile di stare accanto, con il desiderio di ravvivare la vita di tutti, che ha voluto mostrarci in Gesù.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: CUSTODISCI QUELLI CHE HAI CREATO !

Con il dono del suo Spirito, Dio ama e si affida alla nostra fragilità, facendo meraviglie in una innumerevole serie di santi famosi come di persone umili e operose, che abbiamo incontrato nella vita. Anche a noi conceda ricchezza di fede, di amore e di speranza.
PREGHIAMO:

Non possiamo mai pronunciare parole di disprezzo o di condanna, perché Dio ha tanto amato il mondo e quelli che vi abitano in ogni epoca e luogo. Spesso il nostro sguardo e giudizio tende invece ad essere negativo: aiutaci sempre a trovare il bene che è presente.
PREGHIAMO:

Coltivare e custodire la grande casa comune della terra e la vita in ogni suo istante e forma è la collaborazione che il Padre celeste chiede ai suoi figli. Insegnaci ad avere cura anche dei particolari e liberaci dalla presunzione di discernere da soli il bene e il male.
PREGHIAMO:

Gesù, il nuovo Adamo, ha ricolmato tutti di grazia e di misericordia, diceva san Paolo. A Lui chiediamo di rialzare chi è deluso e scoraggiato, di consolare i malati e di rendere traboccante la vita di FRANCA STOVANI, GIANFRANCO ZONATO e di tutti i defunti.
PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

14 Giugno 2020 – II Domenica dopo Pentecoste (anno A)

Dopo aver contemplato a lungo Gesù, sofferente, morto e risorto e aver considerato il dono ineffabile dello Spirito e l’azione salvifica della santa Trinità, la liturgia del tempo dopo Pentecoste ci fa volgere lo sguardo all’alleato di Dio, ossia alla persona umana, “rivestita di una forza pari alla sua e formata a sua immagine”, come afferma il Siracide.

Questa potenzialità e questo legame interiore, donati da Dio, richiedono una conquista da parte nostra basata sulla fiducia e su un volgersi stabilmente alla sapienza di Dio. Essa rivela i tratti più significativi dell’esperienza umana, spesso distanti e superiori al nostro istinto: la vita naturale e quella spirituale, non senza fatica, riescono però ad intrecciarsi.

don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_14062020

Partecipiamo alla preghiera : TUTTO SIA FATTO DA NOI PER AMORE !

“Siate perfetti come il Padre vostro celeste”: ogni parola di Gesù è un incoraggiamento a raggiungere il gusto del vivere dando il meglio di sé. Essendo invece portati a calcolare, a giudicare e a risparmiarci, rendici coraggiosi nell’assumere le proposte del Vangelo. PREGHIAMO:

L’apostolo Paolo, nella pagina ascoltata, elenca alcuni atteggiamenti contrari alla fede, specialmente l’arroganza, la superbia e la presunzione. Questi eccessi mettono radici anche in noi credenti. Donaci la forza di lottare contro noi stessi per consegnarci a te. PREGHIAMO:

Al ministero dei sacerdoti e dei consacrati è affidata la cura di ravvivare nei battezzati la grazia e la bellezza della vita divina. A coloro che hai chiamato a questo servizio concedi di essere esemplari, amabili e aperti, facendo tesoro dei carismi e delle doti naturali. PREGHIAMO:

Ci esorti ad essere sensibili verso tutti, aiutando particolarmente quelli che sono in difficoltà come chi non ha lavoro, i malati e coloro che sono soli e tristi. Insegnaci ad usare bene il tempo disponibile e a credere che nulla di ciò che doniamo andrà perduto. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

7 Giugno 2020 – Solennità della Santissima Trinità (anno A)

Il vissuto familiare è il più adeguato forse per introdurci a considerare la santa Trinità: l’indicazione di Dio Padre e del suo Figlio ci orienta in questo senso e la contemplazione dello Spirito ci rende consapevoli e partecipi di un legame affettivo. Camminare nella fede consiste nel diventare veramente figli e fratelli avendo come riferimento l’amore paterno.

Il racconto della vocazione di Mosè presso il roveto che illumina senza consumarsi può illustrare il modo con cui Dio vuole educare la coscienza filiale: non imponendo doveri o paure, ma attirando la nostra attenzione e manifestando il desiderio che l’esistenza di ciascuno cresca nella dignità ricevuta e nella collaborazione alla gioia e al bene.

don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_07062020

Partecipiamo alla preghiera : LA SANTA TRINITA’ CI ISPIRI E UNISCA !

“Molte cose ho ancora da dirvi… Lo Spirito vi guiderà a tutta la verità e vi annuncerà le cose future”, diceva Gesù. La fede è cammino, ma tanti si sono fermati. Il ritrovarci per l’Eucaristia aiuti ciascuno a continuare la via della vera Vita e ad incoraggiare i fratelli. PREGHIAMO:

Anche a noi è capitato di trovare un roveto ardente dove Dio si è presentato, forse in una proposta, in una fatica, in una sorpresa. La memoria di quell’evento spirituale ci infonda la certezza della sua vicinanza e della promessa irrevocabile: “Io sarò con te”. PREGHIAMO:

La Trinità santa ci racconta che la rivelazione di Dio avviene con fedeltà e gradualmente, passo dopo passo. L’ascolto della Parola ci conduca ad un’autentica fiducia e apertura che generi in noi scelte concrete e stabili di preghiera, di testimonianza e di servizio. PREGHIAMO:

“Se siamo figli, avremo l’eredità di Dio insieme con Cristo”, nella sofferenza e nella gloria. Affidiamo all’Amore trinitario i malati, quanti sono in angoscia e CIRO CARDILLO, MARIA PIERA STOPPINI, LUISA FERRARIO, ANTONIA ALBANESE e tutti i defunti cari. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

3 Maggio 2020 – Quarta Domenica di Pasqua (Anno A)

“Chiunque crede in lui non sarà deluso” scrive san Paolo a proposito di Gesù, il grande e unico pastore del suo popolo, che non trascura, non abbandona e non fa preferenze. Ciascuno dei suoi amici infatti è conosciuto, scelto, ascoltato e amato fino alla fine in piena libertà e assoluta fedeltà: “Nessuno mi toglie la vita: sono io che la offro da me stesso”.

Contemplando il buon Pastore, crocifisso e risorto, deduciamo che vero discepolo è colui o colei che imita, prolunga e dilata il dono ricevuto nella gratuità. Esortandoci alla preghiera per le vocazioni il Papa afferma che “la realizzazione di noi stessi non si decide dentro un ‘io’ isolato, ma è prima di tutto la risposta ad una chiamata che ci viene dall’Alto”.

don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_03052020

Scarica qui l’omelia di don Paolo

Partecipiamo alla preghiera : LA FEDE DIVENTI PASSIONE PER OGNI VITA !

“La Parola di Dio si diffondeva e il numero dei discepoli si moltiplicava grandemente”: il racconto degli Atti sottolinea che la bella notizia di Gesù ha i suoi percorsi e la sua forza. Rendici coraggiosi e fedeli nell’ascolto e nell’annuncio e fiduciosi nell’opera dello Spirito. PREGHIAMO:

Ogni scelta “pastorale” sia determinata non in base al progetto o alla riuscita ma sulla conoscenza, sul servizio e per amore. I ministri ordinati, i religiosi e i fedeli laici che hanno un incarico nella Chiesa siano perseveranti e creativi nel donare il meglio di sé. PREGHIAMO:

“Ho altre pecore che non sono in questo recinto. Anche di quelle devo diventare pastore”. Il desiderio di Gesù diventi ragione di una dedicazione nel cercare, ascoltare, annunciare, accompagnare e custodire credenti e non credenti che vivono soli e dispersi. PREGHIAMO:

Siano sostenuti da un’intensa preghiera i nuovi sacerdoti di quest’anno e coloro che si stanno preparando alla vita consacrata, come chi ha responsabilità di governo e di impresa, quelli che sono in ansia per il lavoro, tutti gli ammalati e chi ha perduto la vita. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

12 Aprile 2020 – Domenica di Pasqua (anno A)

E’ sempre prezioso vivere il desiderio e il Vangelo nel giorno della grande festa di Pasqua ribadisce questa certezza: la ricerca sincera del Signore viene sempre esaudita, nel tempo e oltre il tempo. La fede genera la sete di Dio – come la chiama la Bibbia – e Gesù si mostra risorto a Maria di Magdala, profondamente commossa, grata e sempre unita a Lui.

Il nostro desiderio sia plasmato dalle promesse di Dio, che sono rivolte a dare valore in ogni contesto alla nostra esistenza, a corrispondere al bisogno di essere amati anche nei nostri limiti e ad assicurare che né il male né la morte potranno allontanarci. In Gesù vivente per sempre è raccolto l’assoluto e infinito amore di Dio per ognuno di noi.

don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_12042020

Scarica qui l’omelia di don Paolo per il Giovedì Santo
Scarica qui l’omelia di don Paolo per la Domenica di Pasqua

Partecipiamo alla preghiera : SALVA DAL VUOTO, SIGNORE, LA NOSTRA VITA !

Rimane centrale nella grande festa pasquale l’amore di Gesù per ognuno e per tutti, fino alla fine, principio di risurrezione e di vita. Continuiamo a contemplare il volto e il corpo glorioso di Gesù, nel suo sacrificio e nell’assoluta fiducia e fedeltà al progetto del Padre. PREGHIAMO:

Maria Maddalena piange accanto al sepolcro. Noi invece cerchiamo di nascondere le lacrime, giudicandole un segno di debolezza, mentre la mobilità spirituale e ogni sensibilità negli affetti sono una grazia. Concedici ancora la capacità di commuoverci. PREGHIAMO:

Gesù non vuole essere trattenuto ma condiviso. Egli invita a portare la bella notizia, ad andare dai fratelli perché la fiducia e la speranza arrivino a coinvolgere tutti. Nella testimonianza di fede donaci uno slancio nuovo, capace di incontrare richieste e attese. PREGHIAMO:

La Pasqua di Cristo e la sua grazia non può restare vana in nessuna storia di vita, ricorda san Paolo. Non ci succeda mai di affidarci alle nostre forze più che alle tue promesse: concedi salute ai malati, sapienza ai medici e alle istituzioni e beata eternità ai defunti. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

22 Marzo 2020 – Quarta Domenica di Quaresima, detta “del cieco” (anno A)

Tre volti si delineano al nostro sguardo in questa domenica, coinvolti tutti in una luce che passa dall’uno all’altro, sono radiosi o rischiarati: quello raggiante di Mosè, dopo un prolungato incontro con il Dio autore della vita e dell’alleanza; il viso luminoso di Gesù che ricrea l’amore operoso del Padre e quello di un uomo che, vedendo, finalmente vive.

Il passaggio dalle tenebre alla luce è un atto preliminare: senza questa accensione non si possono cogliere le misure, le profondità e le sfumature. Gesù si presenta come luce del mondo affinché nulla sia incompleto, disatteso o sciupato ma incontra molte opposizioni, soprattutto da parte di chi ritiene che la propria visione determini la verità.

don Paolo

Scarica qui l’omelia di don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_22032020

Partecipiamo alla preghiera : SPALMA DI LUCE, SIGNORE, IL NOSTRO VISO !

Dinanzi al non vedente, Gesù orienta lo sguardo dei discepoli non alle colpe ma ai gesti d’amore che mentre è possibile siamo chiamati a realizzare. Tienici lontani da lamentele, accuse e vittimismi, ma rendici solleciti e lieti nel rasserenare chi è abitato dalla tristezza. PREGHIAMO:

Da soli non vediamo: ogni cammino, specialmente nella fede, richiede luce, tempo e guida. Poiché nel cambiamento d’epoca che stiamo vivendo non è facile orientarsi, concedici intuizione e discernimento attraverso il confronto con riferimenti affidabili. PREGHIAMO:

Riconoscendo come un grande dono i primi sette anni dall’elezione di Papa Francesco e celebrando il 24 marzo la memoria dei missionari martiri, invochiamo la forza di essere in ogni caso una Chiesa presente e libera, che riflettendo la tua luce dà vita al mondo. PREGHIAMO:

La patologia che pervade e avvolge il mondo, generando sofferenze e drammi, sembra riproporre l’eterna lotta tra tenebre e luce. A quanti sono colpiti e a chi soccorre sia data luce e tenacia dall’Alto e chi è mancato sia associato al vittorioso destino del Risorto. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

15 Marzo 2020 – Terza Domenica di Quaresima (anno A)

Messa in diretta dal Policlinico di Milano, celebrata dall’arcivescovo Mario su Rai 3,
alle ore 11

Ogni incontro per diventare importante richiede il suo tempo e il suo investimento: solo chi coltiva potrà raccogliere. Non per nulla una delle immagini più care a Gesù è quella del seme: i frutti affermeranno la validità di un percorso di stagioni e di cura, di spargimento, di irrigazione, di maturazione, di potatura, a difesa e a favore della crescita.

Al centro del tempo della Quaresima è proposto uno sguardo sul processo della fede che ognuno di noi ha avviato impegnandosi ad averne cura per sé e anche per altri. Gesù ne sottolinea l’importanza attraverso l’ascolto, la conoscenza, la libertà e la fedeltà. Il rischio però di presumere che bastino alcuni frammenti o formalità è diffuso e sterile.

don Paolo

Clicca qui per l’omelia di don Paolo

Partecipiamo alla preghiera : SI SCIOLGA NELLA FEDE OGNI ANGOSCIA !

La fiducia presuppone la conoscenza: “Dio è vostro padre ma voi non lo conoscete” dice Gesù. Non è dunque pensabile di avere fede senza essere rimasti a lungo a tu per tu con Lui. Rendici decisi nel trovare tempi e modi per accogliere il suo amore e le sue parole. PREGHIAMO:

“Chiunque commette il peccato è schiavo del peccato”: affermazione lapidaria ma indiscutibile. Il nostro rinnovamento inizia dal riconoscere che il peccato vince in modo ricorrente. La nostra intelligenza e volontà si dispongano ad assecondare la tua grazia. PREGHIAMO:

Il dono di una visita viene improvvisamente vietato e tra i carcerati scoppia la rabbia. Anche nelle strutture per anziani e malati il divieto precauzionale sembra rendere la solitudine ancora più dura. Rendici sensibili verso chi è più fragile e in ogni relazione. PREGHIAMO:

Ti rendiamo grazie per le persone che stanno bene o che sono guarite; ti affidiamo chi è stato colpito dall’epidemia e quanti offrono cure adeguate con competenza e sacrificio; accogli coloro che in queste circostanze sono ritornati a te e il dolore dei loro congiunti. PREGHIAMO:

AVVISI – 15 MARZO 2020

  1. La chiesa è aperta ogni giorno per la preghiera personale dalle 7.30 alle 12 e dalle 16 alle 19. Nei venerdì di Quaresima anche dalle 20.45 alle 22.
  2. Il Decanato propone un viaggio culturale in Russia dal 16 al 23 settembre. Chi fosse interessato può chiedere, senza impegno, il programma a don Paolo. E’ bene affrettarsi poiché i posti ancora liberi sono limitati.
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

8 Marzo 2020 – Seconda Domenica di Quaresima (anno A)

Capita di incontrare il Signore dove non si pensava di trovarlo e non manca mai di stupirci: una prova lampante è la donna samaritana, alla quale viene ridonata la voglia di vivere che il suo passato le aveva probabilmente fatto perdere. Gesù la libera dalla tristezza abituale e rimette ordine nella sua vita, infondendole nuovo slancio verso il futuro.

Gustiamo meglio così le parole di augurio che san Paolo rivolge ai cristiani di Efeso: “Il Dio di Gesù vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione per una profonda conoscenza di Lui: illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati… e qual è la straordinaria grandezza della sua potenza verso di noi che crediamo”.

don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_08032020

Clicca qui per l’omelia di don Paolo

Partecipiamo alla preghiera : ILLUMINA LO SGUARDO DEL NOSTRO CUORE !

Al pozzo di Sicar, all’ora di pranzo, Gesù consuma con la Samaritana e con i discepoli un sorprendente banchetto, condividendo come cibo la volontà del Padre e l’acqua che zampilla per la vita eterna. Rendici sempre desiderosi dei suoi inviti e grati dei suoi doni. PREGHIAMO:

“Adorare in spirito e verità” è quello che Dio si aspetta dai suoi figli: nulla quindi di obbligatorio e di formale. Ritorna, come domenica scorsa, il richiamo ad una relazione sincera, fondata sulla Parola e sull’affidamento. Aiutaci a progredire verso questa mèta. PREGHIAMO:

Sostienici nel realizzare la proposta fatta dall’Arcivescovo: “Se abbiamo tempo perché sono ridotte le attività ordinarie possiamo evitare lo sperpero e usare il tempo per fare del bene, pregare, pensare, dare una mano e per dire parole buone, sagge, costruttive”. PREGHIAMO:

L’attenzione alla situazione italiana non può distogliere la preoccupazione e la preghiera per i diversi scenari di sofferenze e di conflitto, dove manca la libertà religiosa, dove si è cacciati, sfruttati e respinti, dove sono in atto speculazioni, ingiustizie e discriminazioni. PREGHIAMO:

AVVISI – Dall’ 8 Marzo al 14 Marzo 2020
La chiesa è aperta ogni giorno per la preghiera personale dalle 7.30 alle 12 e dalle 16 alle 19. Nei venerdì di Quaresima anche dalle 20.45 alle 22.
Al banco della stampa è disponibile il libretto di preghiera sulla Parola fino a Pentecoste e “la Tenda” di marzo.

Il Decanato propone un viaggio culturale in Russia dal 16 al 23 settembre. Chi fosse interessato può chiedere, senza impegno, il programma a don Paolo. E’ bene affrettarsi poiché i posti ancora liberi sono limitati.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

1° Marzo 2020 – Domenica all’inizio di Quaresima (anno A)

“Quanto più ci lasceremo coinvolgere dal Mistero pasquale, tanto più riusciremo a sperimentare la misericordia gratuita di Dio per noi. Non lasciamo perciò passare invano questo tempo di grazia nella presuntuosa illusione di essere noi i padroni dei tempi e dei modi della nostra conversione a Lui”. Così scrive papa Francesco per questa Quaresima.

Il punto di partenza di una vita che vuole rigenerarsi può consistere nella coscienza filiale, un titolo di grande onore però stranamente trascurato. La prima pagina dei Vangeli quaresimali ritorna con il suo ritornello: “Se tu sei figlio di Dio…”. Si tratta di recuperare un’identità che non si può perdere ma si arriva a dimenticare e perfino ad ignorare.

don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_01032020

Clicca qui l’omelia di Don Paolo

Partecipiamo alla preghiera : LA NOSTRA VITA DIA GLORIA A DIO !

La determinazione che Gesù manifesta dinanzi al nostro Avversario è fondata sulle certezze del Libro di Dio. Impegniamoci a mantenerlo aperto e a dedicargli tempo per conoscere quella verità che ci educa ad essere liberi, convinti, sereni e utili anche ad altri. PREGHIAMO:

La prova è una difficoltà ma anche una necessità: occorre saggiare se sappiamo davvero affrontare qualcosa di impegnativo ma di possibile. In questa preparazione alla Pasqua aprici a qualche sfida che ci è necessaria, sapendo rinunciare, scegliere e perseverare. PREGHIAMO:

Esistono praticanti, ritenuti molto devoti, che pensano alle malattie, alle calamità e alle disgrazie come “castighi di Dio” da contrastare con interminabili suppliche. Concedi a costoro di riconoscere l’enorme distanza tra false convinzioni e l’identità che hai rivelato. PREGHIAMO:

La sospensione delle celebrazioni eucaristiche comunitarie ci stimoli a dare maggiore valore a quell’Incontro che rischiamo di vivere solo come un’abitudine. La Cena cui tu ci inviti con sorprendente amore sciolga le nostre freddezze e ravvivi la gratuità del bene. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
1 2 3 32