18 Ottobre 2020 – Dedicazione del Duomo di Milano (anno A)

“Fratelli tutti”, il titolo francescano della nuova Lettera papale, può caratterizzare la festa della nostra Cattedrale e anche del nostro antico borgo, la tradizionale Sagra di Baggio, quest’anno ridimensionata dalle circostanze sanitarie e sociali. Proprio queste però possono spalancare il nostro sguardo e lo spirito ad un nuovo orizzonte di fraternità.

“Prenderci cura del mondo che ci circonda e ci sostiene – scrive papa Francesco – significa prendersi cura di noi stessi. Ma abbiamo bisogno di costituirci in un “noi” che abita la casa comune”. Questo è il compito della Chiesa nel mondo e della comunità cristiana che veglia sul suo territorio: possa la nostra fede accrescere i legami tra tutti noi, “vicini di casa”.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: NOI UNITI E TU AL CENTRO !

“Un Dio più sperato che creduto”: così affermava una recente indagine sulla fede degli italiani. La pratica religiosa manifesta tutta la sua stanchezza ma il sentimento religioso resta vivace. Aiutaci ad avere maggiore cura della nostra fede e delle nostre comunità. PREGHIAMO:

“L’uno e l’altro in essa sono nati e l’Altissimo li mantiene saldi”: don Stefano e don Daniele Bisogni, don Luca Rago e don Luca Poli sono cresciuti in questa chiesa e in questo quartiere che oggi li accoglie in festa. Ti siamo riconoscenti e tu mantienili saldi. PREGHIAMO:

In questi mesi il Consiglio pastorale si sta proponendo di riflettere a fondo sulla vita della nostra comunità cristiana, sulle sue risorse e sulle sue necessità. Risveglia in tutti i ‘Cristiani Baggesi’ il desiderio di “essere utili al Signore e pronti per ogni opera buona”. PREGHIAMO:

Rendici “Chiesa in uscita” verso gli anziani e i malati, per chi è triste e deluso, aperta ai fratelli e le sorelle di altri Paesi e di altre fedi e a chi non viene più in chiesa. Tieni con te MICHELINA SPADA, GIUSEPPE BONVINI, CLAUDIA CAPUTO e tutti i defunti a noi cari. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

11 Ottobre 2020 – Settima Domenica dopo il Martirio del Precursore

“Solo il chicco avvolto nel cuore produce molto frutto” diceva Gesù. Il vero protagonista della vita cristiana è la Parola seminata, calpestata, soffocata, dissipata, ma soprattutto la Parola accolta, che mette radici e germoglia fino a produrre il cento per uno. E’ necessario il suo contatto con le aspirazioni, i problemi, i peccati e i desideri perché la vita fiorisca.

“Terreno e seme sono stati creati l’uno per l’altro. Non ha senso pensare al seme senza una sua relazione con il terreno. E quest’ultimo senza il seme è deserto inabitabile. Difendere la relazione dell’uomo con la parola di Dio è semplicemente difendere l’uomo, i suoi spazi di relazione e i suoi orizzonti di senso”. La semina deve occuparci assai di più del raccolto.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: BEATO CHI PORTA FRUTTO !

Mentre la nostra preoccupazione è ottenere, il nostro compito è seminare. Quanto più lo faremo con frequenza e intensità, tanto più sarà alta la probabilità della crescita. Non c’è situazione umana o contesto di vita nel quale la Parola non abbia qualcosa da dire. PREGHIAMO:

“Il terreno buono è colui che ascolta la Parola e la comprende: questi produce frutto”. Non basta ascoltare: occorre comprendere. Fa’ che dedichiamo al Vangelo del tempo anche in casa e rendici pronti ad accogliere una tra le molte proposte di incontri biblici. PREGHIAMO:

Abbiamo gioito per la liberazione di un missionario e di altre persone sequestrate e per la beatificazione di un ragazzo milanese di questa nostra epoca, Carlo Acutis. Queste circostanze ci spingano coltivare e a manifestare la fede con credibilità e più coraggio. PREGHIAMO:

Concedi lucidità e speranza a chi rifiuta la tua Parola, a chi la ritiene un’illusione e a chi la trascura a causa delle proprie preoccupazioni sulla vita. Ricolma di gioiosa pace tutti i defunti e i nostri FILOMENA CRISTILLI, LAURA SANSONI e FRANCESCO SORRENTINO. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

4 Ottobre 2020 – Sesta Domenica dopo il Martirio del Precursore (anno A)

Festa di Apertura dell’Oratorio

“Siamo soltanto servitori. Abbiamo fatto quello che dovevamo”: la conclusione della breve parabola che Gesù ci fa conoscere grazie all’evangelista Luca chiarisce che essere cristiani non è motivo di merito, di vanto, di rivendicazione. Ci capita però di intendere così, ossia di sentirci in credito con Dio per quanto riguarda le nostre aspettative nei suoi confronti.

Anche Giobbe si sente abbandonato nelle prove che deve sopportare ma poi riconosce che l’agire sapiente di Dio non delude la fiducia risposta in Lui. E’ una grazia, quindi, averlo incontrato ed essere stati chiamati al suo servizio come collaboratori. Con san Paolo allora presentiamoci di nuovo al Signore per realizzare degnamente l’opera che Egli ci affida.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: BENEDETTO IL SIGNORE, SEMPRE !

“Sforzati di presentarti a Dio come una persona degna, che dispensa rettamente la parola della verità”: san Paolo tratteggia l’essenza del servizio al progetto di Dio. Insegnaci a vivere ogni giorno ciò che è giusto rinunciando a comodità e gratificazioni. PREGHIAMO:

Lo spirito della festa sia lo stile consueto dell’oratorio: nel trovarsi in allegria e in serenità, nel pregare, nella dedizione dei grandi ai piccoli, nel sostegno dei genitori agli educatori. Ogni ragazzo sia guidato a superare la mediocrità per giungere allo stupore. PREGHIAMO:

Gesù è venuto per servire e dare la vita: non è quindi possibile intendere la fede come una protezione, una ricerca di benefici, di vantaggi, di miracoli. Facci scegliere con scioltezza il posto che nessuno occuperà e l’impegno che sarà più arduo e duraturo. PREGHIAMO:

La pagina di Giobbe ci fa pensare a quanti sono provati e afflitti da malattie e disgrazie, a chi è contagiato e angosciato e a chi è disperato per la morte dei suoi cari. Dona loro consolazione e fortezza e ad ORNELLA CALVI e ai defunti concedi gioia e luce eterna. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

27 Settembre 2020 – Quinta Domenica dopo il Martirio del Precursore (anno A)

Diversi motivi di gioia si associano in questa domenica: gli anniversari di Matrimonio, l’accoglienza di don Cesare di nuovo tra noi, il Battesimo finalmente di qualche nostro bambino e anche l’attenzione ecclesiale sui migranti e sui rifugiati, un tema che non cessa di interpellare le nostre coscienze e di mostrare la parzialità della nostra dedizione.

La Parola di Dio, sempre provvidenziale, oggi invita a tenere vivo lo sguardo sull’alleanza con Lui, senza il quale nulla è giusto e duraturo. Riconoscendo quell’affetto paterno, premuroso e tenace, che sostiene e guida ogni momento della vita, siamo chiamati a ricambiarlo e a diffonderlo: poiché sei molto amato, anche tu “amerai” con tutte le forze!

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: DONACI L’AMORE CHE SERVE !

Trascurare di amare è come dimenticare il Signore che ci ha resi vittoriosi sulla nostra inerte solitudine. Rinnovaci nell’impegnare “tutto il cuore, tutta l’anima e tutte le forze” per corrispondere alle attese di Dio verso di noi e al miglior bene del nostro prossimo. PREGHIAMO:

Ogni vero amore, è un progetto, è un viaggio, è una migrazione: quel verbo al futuro “amerai” ce lo ricorda senza tregua. Tanti uomini, donne e bambini sono in viaggio tra i continenti verso la vita: convertici a servirli con amore perché quel desiderio si avveri. PREGHIAMO:

Ci rallegriamo con le coppie che ricordano quest’anno un lieto anniversario e rinnovano le promesse di un amore stabile e grato e con i genitori che volendo il Battesimo per i loro figli CHIARA, LEONARDO, LUDOVICA, MATTEO li offrono fiduciosamente a Dio. PREGHIAMO:

Conosciamo persone che amando se stesse credono di amare gli altri e anche persone poco amabili: donaci il coraggio di avvicinarle con saggia umiltà. Abbraccia i defunti cui la nostra vita è legata, tra cui PIERINA VEZZULLI, RACHELE GORLA e GIANNI BOZZI. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

20 Settembre 2020 – Quarta Domenica dopo il Martirio del Precursore (anno A)

Con particolare attenzione contempliamo oggi la tenerezza di Gesù che si dona ancora e, a distanza di secoli, si lascia da noi ascoltare, vedere e gustare, raggiungendo attraverso i sensi le profondità dello spirito. La sua Parola risuona sempre, vivace e attuale; i suoi gesti restano negli occhi e nella mente e come Pane per la vita si concede a noi, vero e nascosto.

Il desiderio di Dio e in particolare della sua visione, che attraversa la storia dell’umanità e la fede di ogni credente o non credente, si compie nell’esperienza umana del Figlio di Dio e Figlio dell’uomo. Fissando lo sguardo in Lui scorgiamo la via della verità, l’intreccio tra tempo ed eternità e la stimolante fedeltà alla sua promessa: “ogni giorno sarò con voi”.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: DONACI VERA FAME DI TE !

L’invocazione del profeta: “Se tu, Signore, squarciassi i cieli e scendessi!” si realizza in Gesù, il Pane vivente disceso per dare vita e il grande Sacerdote di Dio per gli uomini. Risveglia un forte desiderio di incontrare Gesù nei Vangeli e nell’Eucaristia e di imitarlo. PREGHIAMO:

“Voi mi cercate perché avete mangiato” dice Gesù alla gente, mentre Isaia affermava: “Noi siamo argilla e tu colui che ci plasma”. Purifica la nostra religiosità: liberaci dalla ricerca di miracoli o protezioni e rendici sempre più disponibili a riformare noi stessi. PREGHIAMO:

“Datevi da fare per il cibo che rimane per la vita eterna” consiglia Gesù. La Parola e la Sapienza di Dio sono alimenti indispensabili per la vita, di cui possiamo nutrirci più spesso. Infondi in noi il desiderio dell’ascolto, la capacità di stupirci e di essere grati. PREGHIAMO:

Anche la fame eucaristica attesta che ciò che sazia non viene da noi stessi. Donaci umiltà negli affetti e lucidità nella ricerca. Accogli con te FAUSTA D’ALFONSO, PAOLO TARANTINO, ANGELA STUCCHI, ANGELO BARBETTA e chi si è nutrito del Pane di vita. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

13 settembre 2020 – Terza Domenica dopo il Martirio del Precursore (anno A)

L’abitudine, spesso considerata come un pregio, si rivela nei Vangeli più facilmente come un limite, dal quale Gesù ci vuole sciogliere. Il suo linguaggio e le sue proposte, infatti, hanno sempre il colore e il profumo del nuovo, perfino dello scandalo che genera sconcerto e incomprensione da parte delle persone molto religiose ma poco credenti.

Di fronte alla domanda improvvisa e decisiva: “E voi, che dite? Chi sono io?”, l’abitudine fa rispondere subito, ma il cammino della fede rende più cauti. Occorre scrutare, pensare e confrontarsi per giungere ad una stabile chiarezza. Tutta la nostra vita, compresi i peccati – afferma oggi san Paolo – rivela la grandezza e la benevolenza di Colui che domanda di sé.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: CRESCA LA SINTONIA CON TE !

La preghiera è sorgente di verità per la vita di Gesù e anche per noi. Essa ci rimanda al progetto di Dio e alla responsabilità delle nostre scelte, personali e dinanzi alla comunità. Liberaci dall’abitudine di un incontro con te frettoloso e teso solo a chiedere. PREGHIAMO:

Abbiamo ascoltato da san Paolo una vera e propria ‘confessione pubblica’ a Timoteo: ammette la sua ignoranza e lontananza e riconosce la misericordia. Dopo i mesi della pandemia, la coscienza ci riporti al sacramento del perdono e a nuovi impegni di vita. PREGHIAMO:

 “Ogni giorno di questo nuovo anno di scuola, nelle speranze e difficoltà presenti, sia benedetto, sereno, ricco di bene per la potenza dello Spirito santo. Ogni ora di lezione, ogni esercizio di intelligenza, volontà, memoria per percorsi di sapienza sia benedetto!”. PREGHIAMO:

Stimolati dalle parole del profeta Isaia, desideriamo tempi di pace e di riscatto per Ebrei e Palestinesi, per i Libanesi e per ogni popolo in difficoltà. Accogli nella pace della Gerusalemme celeste PAOLO DI TERLIZZI, GIOVANNA LUPPINO, GIANNI BERTOLOTTI, FELICE CORDARO, EGDA GAMARRA e tutti i giusti che hanno lasciato questo mondo. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

6 Settembre 2020 – Seconda Domenica dopo il Martirio del Precursore (anno A)

La trasparenza è l’ideale di un credente: non c’è nulla infatti di più importante del lasciare che Dio attraversi la nostra vita per arrivare a tutti quelli che ama e che si lasciano amare. Gesù si presenta come il rivelatore della benevolenza del Padre verso ognuno dei suoi figli e della verità che illumina e rende già eterno ogni atto conforme al Vangelo.

La ricorrente tentazione da superare è quella di farci, come Adamo, misura del senso dell’esistenza, elaborando un ordine alternativo al progetto di Dio, evidente nell’umanità di Gesù e nelle ispirazioni dello Spirito. Le nostre logiche si mostrano ben presto parziali e divisive, mentre ogni indicazione che viene dall’Alto rivela sapienza e merita consenso.

don Paolo

Qui le letture



Partecipiamo alla preghiera dicendo: LA FEDE SOSTENGA LA SPERANZA !

Un unico desiderio Dio esprime nella creazione, nella storia dell’alleanza, nell’umanità di Gesù, nella Chiesa degli Apostoli, nelle vicende dei santi e della sua provvidenza: dare vita. Si prolunghi nella preghiera di ciascuno e nel vivere insieme in questa comunità. PREGHIAMO:

L’uomo naturale, centrato su se stesso e teso all’autosufficienza, e l’uomo spirituale, aperto e fiducioso delle promesse di Dio, risiedono in noi e ogni giorno si incontrano e si scontrano. Donaci la perseveranza necessaria per evitare incoerenze e contraddizioni. PREGHIAMO:

Accompagniamo all’altare della prima Messa don Stefano, ordinato ieri come i nuovi preti ambrosiani, e anche don Roberto che celebra nelle nuove parrocchie. Riconoscendo la tua vicinanza, donaci di crescere nella familiarità e nella collaborazione con i sacerdoti. PREGHIAMO:

“Il Signore sarà per te luce eterna, il tuo Dio sarà il tuo splendore” garantisce Dio al suo popolo. Aiutaci a vincere l’incertezza dei tempi diffondendo con sincerità la fiducia. FRANCA FAGLIA, STEFANO CATANZARO e tutti i defunti ricevano da te pace e gioia. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

5 Settembre 2020 – Santa Teresa di Calcutta

Venerdì 4 settembre alle ore 18 con il Vescovo Vincenzo di Mauro abbiamo ringraziato il Signore per Madre Teresa di Calcutta e per la presenza delle Suore missionarie della Carità nella nostra comunità.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

30 Agosto 2020 – Prima Domenica dopo il Martirio del Precursore (anno A)

Subito dopo il martirio del Precursore, questa domenica ci richiama fortemente il suo compito: preparare l’incontro di ciascuno e dell’intero popolo di Dio con Gesù. Dello stolto Erode si dice che “non sapeva cosa pensare” ma “faceva di tutto per vedere” Gesù, senza aprirsi a comprendere. Dunque sentire, sapere, essere abituati… non basta per la fede.

Il brano evangelico racconta anche l’incontro di Gesù con gli apostoli e con la gente: gli uni e gli altri fanno, invece, un’esperienza che rimarrà felice e decisiva nella loro esistenza. Saranno, infatti, illuminati dalla bellezza della verità, giustizia e bontà e si sentiranno amati e accolti dal Dio fedele, sul quale potranno fondare un nuovo modo di vivere.

don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_30082020

Partecipiamo alla preghiera : DA TE LUCE E GIOIA, DIO FEDELE !

Altro è sapere qualcosa di Gesù, a distanza – come fa Erode – e altro è cercarlo e stare con lui come fa la gente che lo segue. La testimonianza che diamo o evitiamo è misura della vicinanza o della lontananza. Rendici capaci di dedicare del tempo per incontrarti.PREGHIAMO:

Ventidue giovani in Duomo e il nostro Stefano Bisogni a Lugano sabato si presenteranno per essere ordinati sacerdoti. Auguriamo loro le parole riferite da Isaia: “Ecco, i miei servi gioiranno!”. Nel loro ministero trasmettano senza limiti la benedizione del Dio fedele. PREGHIAMO:

Dopo aver vissuto il primo decennio in mezzo a noi, anche don Roberto si appresta ad iniziare un nuovo capitolo della sua missione. Con amicizia e gratitudine, gli rivolgiamo l’augurio che oggi ci suggerisce san Paolo: “Cerca di capire ciò che è gradito al Signore”! PREGHIAMO:

Scrive l’Arcivescovo: “Si apre un tempo di invocazione e di attesa: le domande sul futuro dicono smarrimento ma anche fiducia, danno voce a stanchezza e paura ma dicono anche che tutto può diventare preghiera, attesa, luce”. La speranza ci spiani il cammino. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

23 Agosto 2020 – Domenica che precede il martirio del Precursore (anno A)

Il cristiano vive nel mondo ma non è del mondo, insegna il Signore Gesù. Questo equilibrio viene fortemente richiamato in questa domenica che precede il martirio di Giovanni il Battezzatore, precursore di Gesù – da celebrare il 29 agosto – dalle pagine bibliche che invitano a regolare tutti i rapporti, personali e sociali, sulla base del legame con Dio.

E’ necessario ribadire il primato di Dio a fronte di un qualunquismo che silenziosamente dilaga e che rischia di rendere soggettiva la fede, con l’accettazione anche da parte dei credenti di un pensiero autonomo circa la verità e le regole di comportamento. Il bene comune, che è parte integrante del cammino di fede, non può restare facoltativo.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: TUTTO, SIGNORE, INSIEME A TE !

La verità non può essere serva di nessuno, è sempre al di sopra delle parti e per questo va cercata, accolta e testimoniata. Per i cristiani Gesù è via, verità e vita. Liberaci da quello scetticismo diffuso che accetta che ciascuno stabilisca la verità per conto suo.
PREGHIAMO:

Vivere nella luce richiede una lotta spirituale esigente e continua, come affermano san Paolo e il racconto dei Maccabei. Occorre conoscere per poi mettere in pratica quello stile di vita che il Vangelo propone. Donaci umiltà, chiarezza, coerenza e sincerità.
PREGHIAMO:

La vita è il grande dono da investire, non da difendere né da sottrarre. Il cristiano è cittadino del mondo, ricerca il bene comune, agisce secondo coscienza e assume le sue responsabilità. Aprendoci a Dio, rendici pronti e lieti nell’offrire sempre tutto il possibile.
PREGHIAMO:

Sosteniamo con la preghiera quanti operano nelle istituzioni sociopolitiche, i cristiani ancora oggi perseguitati, chi soffre e lotta per la giustizia e la pace e MARIO FANTINI, LUCIA STORTINI, BIANCA BORETTI, ANGELA GALLUCCI già presso di te con i nostri cari. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
1 2 3 72