3 giugno 2018 – Seconda Domenica dopo Pentecoste (anno B)

“Chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita? Se non potete fare neppure così poco, perché vi preoccupate per il resto?”. Gesù parte dalla nostra fragilità, che l’ansia fa aumentare anziché diminuire, per invitarci alla fiducia: siamo stati avvolti da un Amore che
non trascura e non abbandona.

Quanto più abbiamo conosciuto Dio come Padre e ci impegniamo a maturare una relazione filiale con Lui, tanto più scopriamo infinite ragioni per rendergli grazie e gloria. Non lasciamoci travolgere da vani ragionamenti che riproducono, in ogni contesto, la tentazione adamitica e diabolica di poter fare meglio o a meno di Dio.

don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_03062018

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail