24 giugno 2018 – Quinta Domenica dopo Pentecoste (anno B)

Dio si presenta all’umanità come luce e amore, come promessa e proposta: questo accade ad Abramo, alla sua discendenza e sempre. Egli chiama, muove e rende le famiglie e le generazioni partecipi di un unico grande progetto di alleanza e di benedizione, che troverà compimento solo con un’adesione fiduciosa e corale.

La nostra fede oscilla tra chiarezza e oscurità e questa appare la sua condizione normale. Infatti oggi il Vangelo annota che “Gesù disse queste cose, poi se ne andò e si nascose loro”. Essere figli di Abramo consiste nell’affidarsi alla Rivelazione di Dio anche nei momenti in cui essa rimane velata e distante dai nostri pensieri.

don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_24062018

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail