24 Febbraio 2019 – Penultima Domenica dopo l’Epifania (anno C)

Comincia l’avvicinamento alla Quaresima, dando risalto alla novità dell’incontro con il Signore Gesù. Levi, il figlio di Alfeo, il futuro apostolo Matteo, riceve un invito e lo accoglie subito, intuendone l’esito liberatorio e lieto. Saulo, il persecutore, è giudicato degno di fiducia, reso forte e preso a servizio da Colui a cui con forza si era opposto.

Dio non volge mai le spalle né chiude le porte a chi è in difficoltà, ma rivolge sempre qualche invito ad avvicinarsi e indicazioni utili a percorrere con gusto la via della vita. L’iniziativa può partire da Lui ma viene anche incontro al desiderio sincero di cambiare vita che è generato prima dalla presunzione e poi naturalmente dallo smarrimento.

don Paolo

Qui le letture: https://spl.ink/letture_24022019

Per pregare insieme: SCUOTICI, SIGNORE, DALL’ABITUDINE!

La chiamata di Matteo dal banco delle imposte appare un momento di liberazione e non una forzatura. Non c’è confronto né complicità tra i beni terreni e il vero bene. Guidaci a vivere il legame con te e le scelte conseguenti con coraggiosa scioltezza. PREGHIAMO:

Riunita attorno al Papa, la Chiesa universale invoca la divina misericordia per le colpe che l’hanno tanto ferita e si impegna ad una maggiore umiltà e trasparenza. Ogni vera novità prenda avvio dall’ammissione del peccato e dalla richiesta del perdono. PREGHIAMO:

San Paolo riconosce che le violenze contro i cristiani erano dovute all’ignoranza circa la proposta di Gesù. Ti chiediamo di far cessare ogni persecuzione religiosa e di aiutarci a conoscere meglio le ragioni della fede e la “differenza cristiana” della vita. PREGHIAMO:

Gesù ha dedicato tempo e salute ai malati e grande speranza alla vita umana limitata ma non annientata dalla morte. A Lui affidiamo chi è nella sofferenza e il dolore e la speranza per MAURO DELLEPIANE, CARLA BAJONI e per i defunti cui siamo grati. PREGHIAMO:

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail