11 giugno 2017 – Santissima Trinità (anno A)

Contemplare la fedeltà di Dio, che dalla divina paternità procede nella solidale umanità di Gesù e nella efficace presenza dello Spirito, è quanto ci propone oggi la liturgia, oltre il tempo pasquale e come premessa per riconoscere che il suo progetto abbraccia, pur nella diversità di persone e di avvenimenti, ogni epoca.

Dio viene incontro, attira, suscita stupore e si rivela a Mosè come l’infinito Presente, che conosce le sofferenze e le necessità e che coinvolge per dare futuro e vita. Gesù e lo Spirito completano la rivelazione con la visibilità e con la certezza che Dio non ritiene nessuno inadeguato o escluso.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_11062017

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

22 maggio 2016 – Prima Domenica dopo Pentecoste – Santissima Trinità

Spesso è difficile comprendere anche nell’esperienza umana le misure dell’amore, la sua grandezza e profondità, la sua apparenza e il suo mistero. Così contempliamo l’amore di Dio senza preoccuparci di sondarlo: la sua fedeltà, la sua creatività e la sua visibilità hanno come punti di riferimento le tre divine Persone: il Padre, il Figlio, lo Spirito e la loro perfetta unità.

Tutta la gratuità di un amore eccezionale, enorme, immeritato è continuamente posta a nostra disposizione, nell’affetto che la Rivelazione ci porta e nel legame che i sacramenti del Battesimo, della Riconciliazione e dell’Eucaristia ci offrono lungo il percorso della fede. Con il rito dell’aspersione rinnoviamo l’impegno di vivere sempre nella familiarità con Dio.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_22052016

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

31 maggio 2015 – Prima Domenica dopo Pentecoste – Santissima Trinità

Nella professione di fede, noi affermiamo che lo Spirito “procede dal Padre e dal Figlio e con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato”. Sono espressioni abituali, che scorrono veloci sulle nostre labbra, ma dal significato profondo, che oggi – solennità della santissima Trinità – siamo chiamati a riconoscere e ad approfondire.

Dio procede incessantemente verso di noi, continua instancabilmente a venirci incontro e a favorire il legame con Lui, mediante l’umanità esemplare di Gesù e l’azione discreta e potente dello Spirito santo. Facendo memoria del Battesimo con il rito dell’aspersione, accogliamo lietamente il proposito di Dio: stabilire in ciascuno di noi la sua dimora.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_31052015

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail