Il nuovo sito internet del Presepe Biblico

Dopo undici anni di “onorato servizio” – come si dice in questi casi – anche il sito del Presepe Biblico cambia pelle e si rinnova.

Nuova la grafica, più animata e dinamica, e nuova la tecnologia di realizzazione, che consente una buona esperienza di navigazione anche su dispositivi mobili. Tutte le tecnologie ormai obsolete che avevamo utilizzato sul “vecchio” sito sono state rimpiazzate da tecnologie moderne e compatibili con tutti i dispositivi.

Invariati, anzi aumentati, l’amore e la passione con cui i volontari curano e migliorano ogni anno il nostro bellissimo Presepe.

Vieni a visitare il Presepe – aperto domenica 15 ottobre in occasione della Sagra di Baggio – e vieni a visitare il nuovo sito http://www.presepedibaggio.org

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il grande Presepe Vivente

La Natività

Anche quest’anno le Parrocchie Madonna della Divina Provvidenza, Sant’Anselmo e Sant’Apollinare, con la collaborazione di Rete Baggio, organizzano il Presepe Vivente.

L’evento è in programma domenica 18 dicembre 2011 dalle ore 16:00 alle ore 18:00 presso il Parco di S. Anselmo (con ingresso da via Francesco Rismondo) in Baggio.

Riviviamo Betlemme con la rappresentazione della Natività, laboratori per i più piccoli, musica, canti, caldarroste, cioccolata… per la gioia di stare insieme!

Clicca qui per scaricare la locandina.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

19 dicembre 2010: Il presepe vivente nel parco di Baggio

Baggio, Presepe Vivente 2010 :: La Natività

Baggio, Presepe Vivente 2010 :: La Natività

Domenica 19 dicembre 2010, nel parco di S.Anselmo in Baggio si è svolta la prima edizione del presepe vivente,con la collaborazione e la volontà delle parrocchie di Sant’Anselmo, Madonna della Divina Provvidenza e Sant’Apollinare.
Con tanto entusiasmo e buona volontà di riuscire al meglio,ci siamo ritrovati,tutti coloro che si sono resi disponibili e prestati a tal intento,alle due del pomeriggio presso un’area del parco (preventivamente fatta richiesta alle competenze comunali) per allestire celermente le zone destinate a divenire “scorci di Betlemme”.
Eravamo in pieno fermento lavorativo: chi montava la capanna, chi arrivava con il carico di paglia, chi sistemava le luci e il suono, chi provvedeva a distribuire qualche costume e chi come me non credeva più di essere nel solito parchetto ma dentro ad un set cinematografico! La gioia dei bambini era tantissima, eccitatissimi, per essere coinvolti nel più grosso dei presepi che avessero mai visto! Eravamo già in piena festa. Suor Barbara e don Roberto,furono egregi registi di un copione mai studiato!ma ugualmente riuscito. Infatti nonostante le poche risorse organizzative, di tempo legato agli incontri in occasione del catechismo (ricordate i vasai, i tessitori,i falegnami etc??) non si era riusciti ad avere proprio un piano ben chiaro di ciò che si doveva ottenere e di chi doveva fare cosa…..ad ogni modo posso assicurarvi che chi frequenta quelle due speciali e nobili anime di Suor Barbara e Don Roberto deve mettere in conto che una buona parte delle cose và volutamente lasciata alla Provvidenza e al sorriso!!!!

Baggio, Presepe Vivente 2010 :: Il banco del vasaio

Baggio, Presepe Vivente 2010 :: Il banco del vasaio

Arriva sera c’è freddo ma non c’è un filo di vento ringraziamo per questo, per noi è importante dobbiamo affrontare ancora altre ore all’aperto, alle sedici inizia la rappresentazione, tutto a noi sembra perfetto ci piacciono i vestiti, né andiamo orgogliosi di essere riusciti a prepararci quei costumi da soli. La scenografia della capanna è curata e allestita con sobria essenzialità. Al visitatore era consigliato un percorso : un ingresso allestito con un tavolo dove poteva prendere una piantina che spiegava cosa vedere, proseguiva poi per le stradine incontrando la bottega del vasaio,quella dei tessitori,superando la locanda, rifocillandosi mangiando le caldarroste,riscaldandosi con della cioccolata,

Baggio, Presepe Vivente 2010 :: Gli spettatori

Baggio, Presepe Vivente 2010 :: Gli spettatori

per poi giungere verso il cuore della scena principale :la capanna. Ci sono in tutto una cinquantina di “comparse” fra pastori, vasai, tessitori venditori di giocattoli di legno locandieri e numerosi bambini pastorelli.. Mi improvviso scenografo. Invito il primo nucleo familiare (vero) a prendere posto nella scena. L’emozione è fortissima .Sono bellissimi con quei costumi,le luci, la musica,la gente ormai giunge numerosa. Si sistemano, adagiano il loro bambino, con l’imbarazzo di chi non è un attore professionista, eppure sente che, quel ruolo di Maria e Giuseppe, un po’ gli appartenga. Cè uno spirito in quell’immagine che trascende il tempo, fermo per lo stupore,ed è sempre lo stesso. E fu grande silenzio su tutta la terra perché a Betlemme era nato Gesù il Salvatore. Penso. Ogni mamma si immedesima in quel dolce viso rassegnato della Madonna,ogni papà trova forza e custodia nello sguardo di Giuseppe.Qualche nonna si commuove, piange tutti vorremmo abbracciare quel bimbo steso sulla paglia. Gli spettatori sono in completa adorazione divenendo inconsapevolmente” pastori”. Con sicurezza ormai acquisita da poco più di mezzora dirigo l’alternarsi delle quattro sacre famiglie. Scandisco i tempi,sistemo i costumi, preparo il posto al neonato, tutti bambini bellissimi e bravissimi per questa speciale occasione. La gente è soddisfatta e contenta oltre che meravigliata:a Baggio non era mai successa una cosa simile!se solo si pensa che proprio in quei parchi negli anni settanta e ottanta furono gli scenari di morte giovanile data dall’impietosa falce che è la droga. E proprio lì oggi Gesù a scelto di divenire messaggio di Vita.

Baggio, Presepe Vivente 2010 :: La locanda

Baggio, Presepe Vivente 2010 :: La locanda

Concludo ringraziando di vero cuore tutti coloro che hanno reso possibile un’esperienza simile :i nostri parroci,la preziosissima Suor Barbara e l’insostituibile Don Roberto i quali ci dimostrano fede e perseveranza sempre. Un grazie particolare và a tutti coloro che sono rimasti sino alla fine della rappresentazione, nel freddo della sera ormai inoltrata, a smontare pulire e riportare via tutto:Grazie.
Chissà se magari si sia dato il via a una nuova tradizione a Baggio quella per l’appunto del presepe vivente,per adesso mi vien solo da dire che l’idea è interessante,migliorando sicuramente tutto il piano organizzativo lasciando magari un po’ meno alla provvidenza…. intanto possiamo sicuramente dire :”buona la prima!!”

Articolo di Marinella Macaluso

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail