19 marzo 2017 – Terza Domenica di Quaresima, detta “di Abramo” (anno A)

Il credente è una persona aperta, in cammino, che non ha né sicurezze né preclusioni ma si appoggia di giorno in giorno, passo dopo passo, alla parola di Dio, come fecero Abramo e Mosè, di cui oggi leggiamo. Le scelte che Dio fa conoscere sono decisive e ben superiori ai nostri progetti e alle nostre attese.

A partire dalla figura di Abramo e da quella di Giuseppe, l’uomo giusto sposo di Maria, in questa tradizionale data a lui dedicata, siamo posti di fronte alla nostra fede. Viene spontaneo chiederci: siamo credenti davvero e sempre, come loro? Oppure siamo tra quelli che pensano alla fede come fonte di vantaggi o di difesa?

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_19032017

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

12 marzo 2017 – Seconda Domenica di Quaresima, detta “della Samaritana” (anno A)

Sempre bello anche per noi il Vangelo della Samaritana, risurrezione dentro la vita che scorre, grazie all’acqua corrente di un pozzo senza fine, l’amore personale del Signore. Questa vicenda, raccontata nel passaggio dalla delusione allo stupore, riflette anche le nostre, spesso abitate da un senso di vuoto.

L’acqua vivace di cui parla Gesù ci riporta oggi alla grazia inesauribile del Battesimo. Come la Samaritana, lasciamo la piccola brocca e immergiamoci nell’oceano dell’amore divino! Se sapremo affidarci, faremo l’esperienza – assicura san Paolo – della straordinaria benevolenza di Dio verso ciascuno di noi.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_12032017

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

5 marzo 2017 – Prima Domenica di Quaresima (anno A)

Il desiderio di novità vive in ciascuno di noi e vorrebbe essere esaudito: le cose ripetitive possono forse apparire comode ma “addormentano” la vita. La Quaresima, proiettata verso il sorprendente trionfo pasquale, è il tempo in cui la Chiesa, seguendo il Signore, ci spinge al nuovo, al vero e al meglio di noi stessi.

Soltanto Dio è infinita novità: la sua parola, come un tesoro nascosto nel nostro pezzetto di terra, riesce infatti a stupirci, ad arricchirci e a rinnovare le ragioni e le direzioni del cammino. Se in questi preziosi quaranta giorni dedicheremo tempo e lasceremo spazio a Dio, la nostra esistenza sarà pervasa dalla gioia.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_05032017

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

26 febbraio 2017 – Ultima Domenica dopo l’Epifania (anno A)

La certezza che, grazie alla paternità di Dio, ad ogni persona e ad ogni atto d’amore sarà dato il suo vero valore è la bella notizia che oggi la Parola di Dio ci trasmette. Siamo invitati così a superare ogni tipo di delusione o di tristezza che possiamo provare a causa dei nostri limiti o delle vicende della vita.

Pur riconoscendoci figli di Dio, infatti, possiamo restare estranei alla sua volontà benevola e incoraggiante. Entrare in chiesa è sempre come tornare a casa, dopo esserci allontanati: l’abbraccio che con gratuità qui riceviamo, portiamolo a tutti affinché l’unico Padre sia il centro prezioso e benedetto dei nostri rapporti.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_26022017

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Cresime 2017

Il 5 e il 12 febbraio si sono celebrate le Cresime e le Prime Comunioni per i ragazzi e le ragazze di prima media.

 

5 Febbraio 2017 – Presiede Mons. Paolo Martinelli

12 Febbraio 2017 – Presiede Mons. Vincenzo Di Mauro

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

19 febbraio 2017 – Penultima Domenica dopo l’Epifania (anno A)

Benevolenza e solidarietà sono le indimenticabili parole che la liturgia ambrosiana ci propone oggi, cominciando l’avvicinamento alla Quaresima. La benevolenza dell’amore che guida alla verità della vita appartiene a Dio: il Padre, mediante lo Spirito santo, la infonde in ciascuno di noi affinché la gioia sia condivisa.

Il riconoscerci abitati tutti dal limite, come Gesù indica, ci conduce a constatare come la solidarietà – e non l’accusa – sia l’atteggiamento capace di creare rapporti veri in ogni contesto sociale e anche lavorativo. Dal Signore pertanto invochiamo la grazia di discernere le ragioni dell’unità e la volontà di favorirle.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_19022017

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
1 2 3 4 48