InCanto della Pasqua

Elevazione Musicale nel Tempo di Quaresima

Musiche di
Alain, Bach, Brahms, Clérambault, Donizetti, Fauré, Migliavacca

Gruppo Femminile “Lo Stupore dell’Aurora”
G. Bianchi, C. Bolleri, L. P. Rancati, C. Rizzato

Organista:S. Borsatto. Clarinettista: L. Paini

Direttore: A. La Ciacera

Mercoledì 13 aprile 2011
ore 15.30

Parrocchia S. Anselmo da Baggio
via Manaresi, 13 – Milano

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“Testimoni oculari”: una sacra rappresentazione

Mercoledì 6 aprile alle ore 21.00
in chiesa parrocchiale

Angelo FRANCHINI
presenta
TESTIMONI OCULARI

La versione originale della Sacra Rappresentazione, scandita dalle stazioni della Via Crucis, interamente scritta, realizzata e interpretata da Angelo Franchini.

Personaggi: Pilato, Erode il grande, Giuseppe, il giovane ricco, una delle vergini stupide, il cieco di Gerico, Giuda, il ladrone cattivo, Giovanni Zuccone, l’Uomo vestito di bianco.

Angelo Franchini: scrive, realizza e interpreta gli incontri teatrali ispirati al Vangelo dal 1982

Testo: pubblicato dalle Edizioni paoline nel 2006

Durata e atti: 65 minuti ad atto unico

 

Locandina "Testimoni Oculari"

Locandina "Testimoni Oculari"

 

L’ultimo articolo su Avvenire del 14/03/2010: “Testimoni oculari” in scena di Roberto Zago

 

Se dopo oltre 400 repliche in tutta Italia, l’autore/regista, e unico interprete, Angelo Franchini, riesce ancora a commuovere con il suo “Testimoni oculari”, forse la parola capolavoro può essere spesa. Scandito sulle stazioni della Via Crucis, lo spettacolo ne vede in ognuna un personaggio diverso rivivere l’incontro/rapporto con il Cristo. Pilato, Giuseppe, Erode, Giuda, il ladrone, il cieco, sino a quel Giovanni Zuccone che, tirato un sasso all’immagine di Maria, che l’ha fatta sanguinare, si vede da lei accolto….Franchini interpreta tutte le parti, mutando fogge, voce e sentimenti sull’ala di una poesia scabra e semplice, aderente ai personaggi tratteggiati senza retorica, mirati a rendere un avvertimento di speranza riflessiva e di segreta gioia. Luci soffuse, più buio che clamore di riflettori, accompagnate le parole da una colonna musicale pertinente, e da candele che, come nella resurrezione suggeriscono di celare nel silenzio il mistero che attende tutti, sulla traccia del deposto crocifisso…Lo chiamano e lo richiamano, per vedere e sentire, come è accaduto a noi, qualcosa che a teatro non si ascolta mai…


“Se dopo oltre 400 repliche in tutta Italia, l’autore/regista, e unico interprete, Angelo Franchini, riesce ancora a commuovere con il suo “Testimoni oculari”, forse la parola capolavoro può essere spesa. Scandito sulle stazioni della Via Crucis, lo spettacolo ne vede in ognuna un personaggio diverso rivivere l’incontro/rapporto con il Cristo. Pilato, Giuseppe, Erode, Giuda, il ladrone, il cieco, sino a quel Giovanni Zuccone che, tirato un sasso all’immagine di Maria, che l’ha fatta sanguinare, si vede da lei accolto….Franchini interpreta tutte le parti, mutando fogge, voce e sentimenti sull’ala di una poesia scabra e semplice, aderente ai personaggi tratteggiati senza retorica, mirati a rendere un avvertimento di speranza riflessiva e di segreta gioia. Luci soffuse, più buio che clamore di riflettori, accompagnate le parole da una colonna musicale pertinente, e da candele che, come nella resurrezione suggeriscono di celare nel silenzio il mistero che attende tutti, sulla traccia del deposto crocifisso…Lo chiamano e lo richiamano, per vedere e sentire, come è accaduto a noi, qualcosa che a teatro non si ascolta mai…”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Presentati i lineamenta del prossimo Sinodo dei Vescovi

Nuova evangelizzazione, i «Lineamenta» del Sinodo

La nuova evangelizzazione, alla quale è chiamata la Chiesa nel Terzo Millennio, dovrà operare anche una “critica degli stili di vita, delle strutture di pensiero e di valore, dei linguaggi costruiti per comunicare”.

Lo affermano i vescovi di tutto il mondo, i cui contributi sul tema sono stati raccolti nei Lineamenta pubblicati dalla segreteria generale del prossimo Sinodo, che si terrà nell’ottobre 2012 sul tema, appunto, della Nuova Evangelizzazione.

 

Leggi l’articolo su Avvenire del 4 Marzo 2011 Leggi la conferenza stampa in vaticano Leggi i lineamenta

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Benvenuto Padre!

Il Cardinale Dionigi Tettamanzi

Il Cardinale Dionigi Tettamanzi

Eminenza Reverendissima e Caro Padre, le indicazioni per la visita decanale così si esprimevano: “La Messa dell’Arcrivescovo è l’atto più importante della visita pastorale; è il momento in cui il Vescovo celebra i santi misteri con il popolo e per il popolo”.

Nella chiesa locale si deve dare il primo posto alla Messa cui presiede il Vescovo circondato dal suo presbiterio e dai ministri con la partecipazione piena e attiva del popolo santo di Dio.
Si ha qui, infatti, una speciale manifestazione della Chiesa.
Dopo i giorni della comunicazione e dell’ascolto, ci ritroviamo tutti insieme ora per la celebrazione.

Portiamo all’altare del Signore tutta la nostra fragilità e la nostra povertà, assieme al sincero desiderio di seguirlo fino alla croce.

Questa assemblea che celebra il mistero di Cristo morto e risorto possa diventare nel nostro quartiere e nel nostro tempo, sempre più segno di una speranza incrollabile, capace di contagiare uomini e donne che abitano questo tempo disorientato e complesso ma sempre amato dal Signore, luce, via, verità, vita, pane fragrante per la nostra fame.

Egli invita tutti noi a spezzare continuamente questo pane, pane condiviso, pane di vicinanza e di solidarietà, perché anche questo tempo “abbia la vita e l’abbia in abbondanza”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Tettamanzi dialoga con i giovani di Baggio

Nell’inserto Milano Sette di Avvenire di domenica 6 marzo 2011 a pag. 3, in evidenza l’articolo dedicato a “Tettamanzi dialoga con i giovani di Baggio” di Cristina Conti, nel quale si evidenzia che l’Arcivescovo ha accettato la richiesta dei ragazzi della periferia ovest di Milano che, nella recente visita pastorale, gli hanno proposto di incontrarlo direttamente per confrontarsi con lui sui problemi di questa generazione.

Riportiamo il testo dell’articolo, firmato da Cristina Conti.

I giovani di Baggio con il Cardinale

I giovani di Baggio con il Cardinale

Un incontro tra i giovani del Decanato di Baggio e il Cardinale. Un evento insolito, chiesto per confrontarsi con lui sui problemi che questa fascia di età si trova a vivere nella società e su come poter mettere in pratica oggi l’insegnamento della Chiesa. “Quando il Cardinale Dionigi Tettamanzi è venuto a incontrare la Comunità decanale durante l’ultima visita pastorale dello scorso 6 febbraio, i giovani del Decanato gli avevano espresso il desiderio di un incontro personale per fare il punto sulla Chiesa che vedono e su quella che vorrebbero. Probabilmente l’Arcivescovo ha capito che si trattava di una richiesta sincera, di un bisogno di confronto che veniva dal cuore e ha risposto di sì”, spiega don Vittorio Ventura, Decano e Parroco della Parrocchia di Sant’Apollinare. Necessità di confrontarsi con preti giovani, di avere vicino i sacerdoti per più tempo, mandati più lunghi per condividere un cammino, desiderio profondo di un confronto continuo con la Chiesa e di conoscere meglio il suo Pastore, spazi in cui trascorrere il tempo insieme dopo lo studio o il lavoro. Questi alcuni dei temi su cui si concentrerà l’incontro che si svolgerà presso la Parrocchia di Sant’Apollinare (piazza Sant’Apollinare 7 a Milano) giovedì 10 marzo alle 21. “Da parte dei giovani c’è la volontà di comprendere meglio quello che hanno attorno e di essere guidati in questa scoperta”, aggiunge il Decano. E le parole del Cardinale durante la visita pastorale sono state sicuramente un invito ad approfondire questi temi: “dovete voler bene alla Chiesa, cogliendone le pecche ma anche il bene e la bellezza, che è riflesso della bellezza di Cristo”.

Don Vittorio Ventura

Don Vittorio Ventura

Trenta i giovani provenienti dalle nove Parrocchie del Decanato. I più assidui a frequentare la Scuola della Parola settimanale e gli incontri mensili tra le Comunità del territorio. Ma a trarne beneficio sarà tutta la Comunità. “Normalmente questi ragazzi vivono gli incontri nel loro gruppo, ma questa volta vogliono dialogare direttamente con il Cardinale delle grandi cose della vita, per poi parlarne anche con chi non frequenta: un lavoro missionario, insomma”, precisa don Ventura. Difficoltà a trovare un lavoro, a mettere su famiglia in autonomia, a capire il proprio ruolo all’interno della società, ma anche deriva del mondo giovanile il bisogno di punti di aggregazione. Sono solo alcuni dei problemi più diffusi oggi tra chi ha dai 25 anni in su. “Mi sembra molto importante che i giovani abbiano fatto questa richiesta al Cardinale – sottolinea il Decano – perché hanno manifestato così l’interesse all’incontro, al dialogo e all’accompagnamento della Chiesa per sentirsi parte della Comunità cristiana”. A Baggio la situazione dei giovani oggi è molto migliorata. Il disagio di trent’anni fa è ormai lontano. Oggi ci sono situazioni critiche solo nei quartieri in cui è più alta la presenza di case popolari, come quello di Quinto Romano, dove è molto attiva la Cooperativa Filo di Arianna della Caritas. “Abbiamo avuto purtroppo qualche emergenza per gli adolescenti in certi oratori e in alcuni casi abbiamo deciso di sospendere temporaneamente il servizio. Proprio per questo motivo abbiamo scelto di portare avanti un’Unità di Pastorale giovanile”, conclude don Vittorio. Si tratta di un progetto che si svolgerà nell’arco di tre anni. Avrà il titolo “Famiglie, giovani e sport” e sarò realizzato con la collaborazione di Comunità Nuova di don Gino Rigoldi. L’obiettivo che questa iniziativa si propone è quello di riorganizzare gli oratori, perché risultino accoglienti per tutti: perché ritornino a essere luoghi in cui si possa fare servizio alla gente.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
1 46 47 48 49 50 51