27 Giugno 2021 – Quinta Domenica dopo Pentecoste (anno B)

L’Alleanza, avviata con la creazione e con il dono reciproco tra uomo e donna anche per la continuità della vita, trova un interlocutore fondamentale in Abramo, chiamato in modo imprevedibile ad essere padre di un popolo universale e benedetto. Il progetto, solo intuito, ottiene la collaborazione del Patriarca, che rimane esemplare per quanti si aprono a Dio.

Circa due millenni dopo, Gesù ripropone la stessa esperienza ai suoi discepoli: ascoltare, credere, accogliere, lasciare e andare per diventare “figli della luce”, capaci cioè di irradiare – come Lui – ciò che il Padre trasmette e dona. La sua luce orienta i passi giusti e rivela uno straordinario contesto, permette di rendersi conto, di dare valore e di essere di aiuto.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: DONACI OCCHI CHE BRILLANO !

La fede è cammino, per Abramo e per i suoi discendenti, noi compresi. Non possono bastare segni, come la circoncisione o il Battesimo, o abitudini per essere credenti. La luce, che è Gesù, indispensabile per sapere dove andare, ci dia coraggio verso nuovi orizzonti. PREGHIAMO:

“Amavano la gloria degli uomini più che la gloria di Dio”: il giudizio sferzante di Gesù riguarda anche la fede di molti cristiani, privata, indefinita ma modellata sul giudizio altrui. Concedici di esprimere l’adesione a te con franchezza e gioia, liberi da critiche e ipocrisie. PREGHIAMO:

La diffidenza verso i migranti persiste in tanti figli di Abramo, che ha lasciato la sua terra con la promessa di un’alleanza e di un futuro buono per un popolo incalcolabile. Perdona le nostre durezze e rendici più solidali e solleciti verso chi per necessità si trova tra noi. PREGHIAMO:

Donaci vera sete della tua Parola che ci fa guardare dentro e oltre questa vita fuggente e ci indica tracce sicure di cammino. Custodisci nel tuo amore singolare GIANNINA BOZZETTI, NICOLA MORFINO, DAMIANA MENDOLICCHIO e quanti hanno perso la vita tragicamente. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

20 Giugno 2021 – Quarta Domenica dopo Pentecoste (anno B)

Il disegno creativo e lungimirante di Dio incontra il rifiuto dell’uomo o meglio un progetto alternativo, dove la logica di ciascuno diviene centrale e assoluta. La riflessione sul “peccato delle origini”, che risulta sempre attuale nei figli di Adamo ed Eva, è presentata attraverso la parabola della festa per le nozze del figlio del re, disertata da coloro che erano stati invitati.

Il Padre non si adira per la nostra indifferenza ma rilancia ancora più forte e largo il suo invito, “ai cattivi e ai buoni”, perché nessuno è da escludere mentre tutti sono da educare a ciò che ha maggiore valore, a discernere ciò che giova davvero – come dice san Paolo – e ad esercitare il dominio di sé, dono dall’Alto, che dà vero valore alla vita personale e di comunità.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: UMILI E PENTITI ACCOGLICI, SIGNORE !

Un padre gioioso e premuroso si trova dinanzi a figli che non sanno apprezzare il legame affettivo e preferiscono soddisfare se stessi coltivando altri interessi. Gli attesi alla festa non sono felici ma indifferenti e assenti. Rendici sensibili, lieti e stupiti per i tuoi frequenti inviti. PREGHIAMO:

Non si usa più ormai “il vestito della festa” e “tutto è sempre uguale”: così si rischia di non distinguere in modo adeguato i giorni e le occasioni. Concedici un animo accorto, che sa commuoversi e gioire, che sa avere cura dei particolari e notare e amare le piccole cose. PREGHIAMO:

I matrimoni religiosi sono diventate celebrazioni rare e anche il Battesimo non è più così consueto. Desideriamo quindi che AZZURRA, LORENZO e MATILDE che oggi sono immersi nel tuo infinito abbraccio possano condurre, con i loro cari, una vita veramente “cristiana”. PREGHIAMO:

Vogliamo chiedere fortezza e speranza per gli sposi che hanno iniziato nella gioia e poi hanno affrontato tempi di incomprensione e di tristezza. Concedi l’eredità del tuo regno a MARIANGELA MUZZI, ANNA PUTZOLU, ANTONIA BACCARO e agli uccisi dai propri cari. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

13 Giugno 2021 – Terza Domenica dopo Pentecoste (anno B)

Nello scenario magnifico della creazione, ecco spuntare i protagonisti, voluti dal grande regista, il Padre celeste. C’è un uomo, che ha tutto a disposizione, ma non la gioia: essa sta non nelle cose ma negli affetti che il sentire genera. “Non è bene che l’uomo sia solo. Gli darò qualcuno adatto a lui” dice Dio, formando una creatura simile e diversa, capace di comunione.

L’uomo riconosce e gioisce per la sua parte femminile, “osso delle mie ossa e carne della mia carne”, dedicandosi totalmente “così che non sono più due ma una sola carne”. Questo legame è interpretato da san Paolo alla luce dell’amore di Cristo per l’umanità, con uno sguardo che vede l’Altro come via alla santità e con un amore in crescita “fino alla fine”.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: DONACI MANI GIUNTE E CONGIUNTE !

La solitudine non è la condizione normale della vita: siamo persone capaci e bisognose di amore e di pensiero, orientate quindi alla reciprocità. Eppure fatichiamo nel tenere vive le relazioni, preferendo spesso l’individualismo. Donaci perseveranza, equilibrio e creatività. PREGHIAMO:

Gesù invita le mogli e i mariti a ritornare con frequenza al progetto iniziale, alle ragioni per cui ci si è scelti vicendevolmente. Concedi alle coppie di tutte le età di non avere paura dei sentimenti, della tenerezza, dell’ammissione dei propri errori e dell’importanza reciproca. PREGHIAMO:

Ci sono uomini che non si sposano e diventano sacerdoti, ma che non sono soli. Rendi umili e amabili tutti i nuovi preti del 2021, tra cui i dieci di Milano, e quelli che lo sono già da anni affinché possano essere utili alle loro comunità e siano ravvivati nel loro ministero. PREGHIAMO:

Liberaci noi tutti da quella durezza di cuore che spesso non vuole responsabilità né legami definitivi. Dona sogni ed entusiasmo ai fidanzati e ai ragazzi e agli animatori dell’oratorio estivo. Accogli nella pienezza della vita FLAVIO CHIANTELLI, MARIA CIPRANDI , CLAUDIO POGLIAGHI e le molte coppie che hanno vissuto con sincerità nell’amore tra
gioie e fatiche. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

6 Giugno 2021 – Seconda Domenica dopo Pentecoste (anno B)

La Parola di Dio non ci raggiunge mai per caso e certamente ce ne siamo già accorti lungo i sentieri, talora impervi, della fede. Anche oggi probabilmente sarà così perché mentre stiamo lentamente allontanandoci da una lunga sosta dovuta ad un’anomalia imprevista e tenace, siamo invitati a riconoscere e a benedire il dono della vita e Colui che cura ciò che ha creato.

“Nel tuo cuore, figlio mio, tieni conto delle mie parole” consiglia il saggio Siracide a nome del generoso Donatore di ogni cosa. Le istruzioni e le certezze per vivere serenamente non ci mancano, anche attraverso ciò che gli occhi vedono, come i corvi e i gigli di cui parla Gesù. Ci conviene restare umili e dare retta a Dio, giusto e provvidente, con fiduciosa gratitudine.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: LA TUA PAROLA SEMPRE PRIMA !

Il lungo e incerto tempo della pandemia può aver messo in discussione il valore della vita. Anche i credenti hanno avuto i loro giorni di smarrimento. Oggi Gesù ci rianima dicendoci: Quanto più di tutto valete voi! Quanto Dio fa e farà per voi! Liberaci dalla nostra poca fede. PREGHIAMO:

Dio ci ha regalato il libro della creazione con scenari magnifici e misteri ordinati, come dice il Siracide, eppure gli uomini vi hanno portato disordine, sfruttamento, violenza. Aiutaci a comprendere che la custodia della terra, nostra casa comune, è parte integrante della fede. PREGHIAMO:

Il Creatore ci ha dato un secondo grande libro, quello della Rivelazione e della Sapienza per la vita. Libro indispensabile per non sciupare sentimenti, persone e anni. Cercare il fine di noi stessi e di ogni cosa sia la nostra prima e instancabile cura, a partire dalla tua Parola. PREGHIAMO:

“Io non mi vergogno del Vangelo, perché è potenza e giustizia di Dio” diceva poco fa san Paolo. Se la fede, la speranza e il bene gratuito avranno radici e ali in te e non in noi saranno inesauribili. Accogli accanto a te WALTER SARTIRANA e chi è stato generoso. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

03 Giugno 2021 – Corpus Domini

Qui le letture

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

30 Maggio 2021 – Santissima Trinità (anno B)

Compiuta la missione di rivelare la volontà e l’opera del Padre, essendo Gesù risorto e ritornato al Cielo, avvenuta l’effusione dello Spirito santo sulla comunità degli Apostoli inviata nel mondo, oggi la Chiesa ci invita a considerare – in chiave unitaria e trinitaria – i diversi particolari che abbiamo scorto e celebrato nella successione delle domeniche liturgiche.

Emergono così le caratteristiche dell’amore di Dio per l’intera umanità e in primo luogo la stima e la fedeltà: veramente Dio ha sempre voluto costruire la storia insieme agli uomini, mai senza di loro e tanto meno rinunciando a causa della loro indifferenza. Sentiamoci dunque pienamente desiderati e invitati a contemplare il progetto e a collaborarvi con stupore e gioia.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: TIENICI SEMPRE NELLA TUA MANO !

Dio, Trinità d’amore, genera una storia di salvezza che procede gradualmente, nella fedeltà e con paziente tenacia, che ci riguarda e coinvolge, alla quale però rischiamo di restare estranei ed inerti. Donaci una contemplazione capace di grandi orizzonti e di piena fiducia. PREGHIAMO:

Benché il progetto venga dal Padre, la visibilità si compie nella vita umana del Figlio e la possibilità di partecipare ci è elargita con il dono dello Spirito. Concedici di accrescere, progredendo nella fede, la relazione personale con ciascuna delle tre divine Persone. PREGHIAMO:

Ringraziandoti per i lieti anniversari di Matrimonio che in questo anno si compiono, ogni coppia e famiglia sappia attingere dalle parole e dallo stile del Vangelo quella vivacità che rende i legami liberamente stabiliti sempre desiderati e benedetti con il passare del tempo. PREGHIAMO:

La comunione e l’armonia della santa Trinità, nel cui abbraccio siamo immersi fin dal Battesimo, alimentino in noi il primato della spiritualità e la dedizione ai deboli e ai poveri. Il bene sincero condiviso ci mantenga uniti ad ENRICO COLOMBO e ai defunti beati in Dio. PREGHIAMO:


Sabato 29 Maggio alle 18 sono stati ricordati gli anniversari significativi di matrimonio

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

23 Maggio 2021 – Domenica di Pentecoste (anno B)

Per un’innata tendenza l’umanità procede verso la divisione: infatti è più facile cogliere le differenze e i limiti anziché le sintonie e i pregi. Il libro delle origini, la Genesi, attesta il distacco degli uomini da Dio e anche tra loro. Emblematica è l’icona della costruzione della torre di Babele, pensata come simbolo di indipendenza e divenuta sorgente di dispersione.

Il progetto di Dio tende invece sempre ad unire: solo attraverso sapienti alleanze infatti la vita può raggiungere la sua pienezza. Nella dedizione di Gesù e nella creatività dello Spirito in un’infinita Pentecoste, ogni persona constata – attraverso i carismi personali e la tenace ricerca del bene comune – la grande dignità ricevuta e la straordinaria bellezza dei legami.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: IL TUO SPIRITO IN NOI E NOI IN LUI !

“Non vi lascerò orfani: verrò da voi” assicura Gesù, promettendo lo Spirito della verità che continuerà a tenere unite la sua e le nostre vite carismatiche ma orientate al bene comune. Liberaci da ogni tentazione che ci porta a vivere per noi stessi e a preferire l’individualismo. PREGHIAMO:

Pentecoste è “festa delle genti” riunite dal progetto del Padre, dall’esempio del Figlio e dal dono dello Spirito. La nostra comunità cresca nell’accoglienza, nella solidarietà e nella stima reciproca, considerando una benedizione e una risorsa sorelle e fratelli di altri continenti. PREGHIAMO:

Venga il tuo Spirito e doni pace ad Ebrei e Palestinesi e ad ogni popolo diviso in se stesso o in conflitto con altri. Venga il tuo Spirito e porti salute e nuova serenità nel mondo malato e irrequieto. Venga il tuo Spirito e conceda a tutti il diritto di vivere con fraterna dignità. PREGHIAMO:

MARGARITA e STEVEN che ricevono nel Battesimo il tuo Spirito scoprano presto la sua vivacità e sapienza; i genitori e gli educatori siano capaci di discernimento a favore dei figli e discepoli; CLORINDA RUGGERI e i defunti partecipino nello Spirito alla felicità eterna. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

16 Maggio 2021 – Settima Domenica dopo Pasqua (anno B)

Festa della comunità
50° anniversario di ordinazione presbiteriale di Don Vittorio Ventura

Il Signore è asceso al Padre ma non ci ha lasciati: ne siamo certi per il bene che ci ha donato e per le promesse che ci ha fatto, prima fra tutte quella di volerci sempre con Lui per godere e contemplare lo splendore del Padre e la sapienza del suo progetto. Nel lasciarci ci ha affidato la sua Chiesa, “colonna e sostegno della verità”, e al suo centro l’amore che è vita
per tutti.

Essere veri cristiani nel mondo richiede un discernimento ininterrotto e il coraggio di decisioni che restino ferme, pur nel susseguirsi imprevedibile delle situazioni. La richiesta che Gesù rivolge al Padre per noi, suoi amici e discepoli, – “Consacrali nella verità. La tua Parola è verità” – esprime l’esigenza di stabilità e insieme di elasticità dinanzi a scenari sempre inediti.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: IL VANGELO CI RENDA CORAGGIOSI !

La tentazione di essere come gli altri, di evitare le differenze, assale anche i cristiani e Gesù lo sa bene: per questo prega il Padre affinché essi sappiano mantenere la loro identità e siano convinti e perseveranti nel realizzare la Parola di verità. Avvenga così anche per noi. PREGHIAMO:

Siamo in festa oggi con don Vittorio, sacerdote da 50 anni, e per la graduale ripresa del ritrovarci insieme. Tra noi e in ogni parrocchia crescano vocazioni religiose, collaboratori, volontari e persone liete di essere utili. Accresci in noi la gioia di servire senza calcolare. PREGHIAMO:

Accanto a noi vivono anche persone che hanno abbandonato la fede come cammino e, forse deluse, si sono arenate. Tra loro tutti ne conosciamo diverse. Infondici il coraggio di cercarle, di ascoltarle e di stare loro accanto nel proseguire la ricerca di una fede pensata. PREGHIAMO:

Donaci saggezza e sobrietà usando il cellulare, il computer e la televisione; rendici attenti a cercare e a diffondere quello che è bello e giusto e a non trascurare mai chi è triste e solo. Avvolgi nel tuo infinito amore MARIO MARINO, TERESA CHIANTELLI e tutti i nostri defunti. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

13 Maggio 2021 – Ascensione del Signore (anno B)

Qui le letture

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

9 Maggio 2021 – Sesta Domenica di Pasqua (anno B)

Lo sguardo al tempo “dopo Gesù” e l’impegno ad affrontarlo con consapevolezza e fiducia caratterizzano queste domeniche che circondano le solennità dell’ascensione del Signore e della Pentecoste. La missione della Chiesa, nella quale siamo tutti coinvolti, si compie fin dagli inizi essenzialmente per rivelazione e per grazia, attraverso il dono dello Spirito.

Il progetto di Dio, che si esprime visibilmente in Gesù e nei doni e nei frutti straordinari dello Spirito, si realizza in infinite storie edificate dal suo amore previdente e provvidente. Nelle pagine bibliche è san Paolo stesso che oggi ricorda e racconta quanto il Signore ha compiuto in lui e per mezzo suo, offrendo così, in prima persona, un riferimento utile anche a noi.

don Paolo

Qui le letture

Partecipiamo alla preghiera dicendo: LA TUA GRAZIA CI TROVI APERTI !

Gesù raccomanda un’incisiva testimonianza perché rileva una profonda estraneità: “vi scacceranno e vi uccideranno perché non hanno conosciuto né il Padre né me”. Potremo essere credibili solo se preparati con un attento ascolto. Donaci volontà e perseveranza. PREGHIAMO:

San Paolo porta a pensare a quanto la grazia di Dio fatichi a trovare docilità a causa delle nostre abitudini e resistenze alle sue ispirazioni. Ricordaci di invocare più spesso lo Spirito santo affinché ci mostri la via del vero, del giusto e del buono nei discernimenti necessari. PREGHIAMO:

Il nostro Dio non atterra per umiliare, ma abbassa per innalzare: così racconta l’apostolo afferrato da Cristo sulla via di Damasco, che si sente dire “ti sono apparso per costituirti ministro e testimone”. Aiutaci ad essere sempre degni della fiducia che tu manifesti a noi. PREGHIAMO:

Chi crede annuncia la speranza che ha ricevuto affinché raggiunga e pervada ogni donna e ogni uomo. Dona forza ai malati e a chi vive ai margini, sostieni disoccupati e scoraggiati e ammetti nella beata eternità SERGIO CERASOLI, FILOMENA LOVINO e tutti i defunti. PREGHIAMO:

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
1 2 3 4 5 8