Gli avvisi della settimana – 2 Marzo 2014

ApollinareCorriamo il rischio di giudicare noi la Parola, pensando che dica cose ovvie, mentre ogni volta porta in sé richiami essenziali e necessari. Alla vigilia del tempo quaresimale, essa ci spinge a recuperare la consapevolezza, che non è sempre facile da mantenere. Quella di ritornare a Dio, perché ci siamo allontanati da Lui, e probabilmente quella di restare con Lui in una più sincera condivisione di intenti,
La nota pagina dei due figli – uno che si allontana dal Padre per poi tornare e l’altro che resta apparentemente vicino ma in realtà distante dal genitore – ci interroga sul nostro modo di essere sia figli di Dio che fratelli e ci esorta a scelte più umili e più sagge.

Presso il banco della buona stampa sarà possibile ritirare, con una piccola offerta, il libretto sulla Parola di Dio per il tempo di Quaresima.
Domenica prossima ci sarà, in Via Palmi, l’ultimo incontro della scuola biblica decanale.
Mercoledì il “Gruppo terza età e amici” organizza il pranzo di Carnevale.
I ragazzi di terza media del decanato saranno in pellegrinaggio a Roma, da venerdì prossimo a domenica, sulle orme di Pietro e di Paolo, nel cuore della Chiesa.
Per la casa delle vacanze estive dell’oratorio si cercano, anche in prestito, letti a castello facilmente smontabili (rivolgersi a don Roberto o a Suor Barbara, in oratorio)

 

Hai apprezzato? Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • Print
  • email
  • PDF
  • RSS
Pubblicato in Avvisi | Commenti disabilitati

Gli avvisi della settimana – 23 Febbraio 2014

ChiesaAvvicinandoci alla Quaresima, tempo di grazia e di novità, la liturgia ambrosiana ci porta a considerare la grande speranza che il Signore ripone in ognuno dei suoi figli. Lo sguardo di Gesù, che manifesta il cuore del Padre, risolleva sempre senza umiliare: non nega le colpe che covano in noi, ma fa ripartire la vita e concede nuova fiducia. Come ci ha ricordato di recente papa Francesco, le parole e i giudizi assomigliano a pietre, con le quali si possono lapidare quanti non entrano nelle nostre logiche. Davanti agli accusatori della donna trascinata in giudizio, Gesù indica che l’atteggiamento da tenere consiste nel favorire e nel custodire per ogni persona nuovi percorsi di vita.

Mercoledì 26 Febbraio alle ore 21 in Duomo ci sarà la testimonianza dell’arcivescovo di Manila, card. Luis Antonio Tagle, trasmessa sul canale 664 di Telenova News. Il consueto incontro sulla Parola di Dio della prossima domenica è spostato a Martedì 25, sempre alle ore 21, in ufficio parrocchiale.

Il gruppo “Terza età e amici” organizza per il 5 Marzo il pranzo di carnevale. Iscrizioni in ufficio parrocchiale.

Oggi i ragazzi di terza media hanno organizzato un piccolo mercatino per finanziare le molteplici attività dell’oratorio. Quelli di seconda media saranno in pellegrinaggio a Padova e Venezia, durante il prossimo fine settimana, sulle tombe degli evangelisti Luca e Marco.

Per la casa delle vacanze estive dell’oratorio si cercano, anche in prestito, letti a castello facilmente smontabili (rivolgersi a don Roberto o a Suor Barbara, in oratorio)

Hai apprezzato? Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • Print
  • email
  • PDF
  • RSS
Pubblicato in Avvisi, Celebrazioni | Commenti disabilitati

Gli avvisi della settimana – 16 Febbraio 2014

BaggioDaCampanile

Nella pagina del vangelo di Matteo che la liturgia presenta, traspare ancora una volta la profonda umanità di Gesù: nei gesti che compie e nelle scelte che manifesta, Egli afferma che nulla ha più valore della vita dell’uomo. Ogni regola anche religiosa e ogni convenienza umana dovranno adeguarsi al primato dell’amore fraterno.

Nella certezza che la bontà di Dio è molto più ampia delle debolezze e colpe umane, anche noi siamo chiamati, in ogni occasione, a favorire la vita. Papa Francesco ci ricorda: “Quanto ci fa bene amarci gli uni gli altri al di là di tutto! Sì, al di là di tutto! Non stanchiamoci di fare il bene e non lasciamoci rubare l’ideale dell’amore fraterno!”

Lunedì 17 Febbraio alle ore 21 in Sala Rossa dell’oratorio si terrà l’incontro del Consiglio Pastorale Parrocchiale (leggi la convocazione)

Sabato e domenica prossima i ragazzi di terza media organizzano una vendita di “cose buone e belle” per sostenere la gestione delle molteplici attività dell’oratorio.

E’ disponibile qui il numero di Gennaio – Febbraio 2014 dell’Informatore parrocchiale.

Hai apprezzato? Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • Print
  • email
  • PDF
  • RSS
Pubblicato in Avvisi, Pastorale | Commenti disabilitati

Gli avvisi della settimana – 2 Febbraio 2014

Campanile“Luce per le genti e gloria per il suo popolo”: con queste definizioni viene accolto Gesù nel Tempio, durante la sua presentazione, che Maria e Giuseppe compiono, secondo le tradizioni ebraiche, quaranta giorni dopo la nascita del figlio. Come ma assai di più di ogni famiglia, essi riconoscono in Lui il dono di Dio, la sua fedeltà e la sua benedizione.
“La luce vera, quella che illumina ogni uomo” ci ha avvolto come una grazia: se ci sono ancora ombre e nubi che abitano nell’animo umano e nelle vicende della storia, noi siamo tra coloro che oggi rinnovano la scelta di accogliere Gesù come Signore della vita e Luce del mondo, affidando volentieri a Lui i nostri criteri di giudizio.  

Questa sera sarà portato, nella chiesa di via Mar Nero a lui intitolata, il corpo di san Giovanni Bosco; una veglia per i giovani del decanato si svolgerà domenica alle 20.30 e la chiesa resterà aperta per l’intera notte.

Nelle prossime due domeniche alle 10.30 ci sarà qui la solenne liturgia della Confermazione e dell’Eucaristia per più di 70 ragazzi di 5a elementare, suddivisi in due gruppi. La Messa sarà unificata tra le 10 e le 11.30, ma sarà celebrata quella delle 10.30 in Chiesa Vecchia (via Ceriani). Preghiamo per queste famiglie, genitori e figli.

Vi ricordiamo i momenti per condividere la Parola di Dio, il mercoledì alle 21 e il giovedì alle 10 e l’adorazione eucaristica del giovedì dalle 17 alle 19. Sono occasioni preziose di ascolto e di preghiera.

Inoltre giovedì alle 21 si terrà un incontro di preparazione per quanti si sono iscritti al pellegrinaggio con don Vittorio in Terra santa, a cavallo tra febbraio e marzo.

Hai apprezzato? Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • Print
  • email
  • PDF
  • RSS
Pubblicato in Avvisi, Celebrazioni | Commenti disabilitati

Gli avvisi della settimana – 5 gennaio 2014

Da martedì 7 gennaio riprendono le consuete attività in parrocchia, per gli adulti e i ragazzi. L’ufficio parrocchiale avrà un nuovo orario, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 12 e dalle 16.30 alle 18 (al sabato mattina su appuntamento).

Mercoledì alle ore 21 incontro di riflessione sulla Parola di Dio di domenica prossima e giovedì alle ore 10 prosegue l’itinerario di conoscenza di San Paolo.
Domenica prossima, alle ore 15, presso la scuola Madre Bucchi di Via Palmi, prosegue il corso biblico sul libro dell’Apocalisse.

Alla fine del mese, giovedì 30 gennaio, alle ore 21 presso l’oratorio di Via Cabella, 18, inizierà il percorso di preparazione al sacramento del Matrimonio per le coppie che intendono sposarsi religiosamente: gli interessati sono invitati a prendere contatto con il parroco don Paolo (o con l’ufficio parrocchiale) per una prima conoscenza.

Hai apprezzato? Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • Print
  • email
  • PDF
  • RSS
Pubblicato in Avvisi | Commenti disabilitati

Qui e là in Internet …

Oggi è Natale per gli ortodossi (vedi qui cosa è il calendario giuliano)

Monsignori solo se si ha 65 anni

Scalfari e il peccato (leggi qui una riflessione)

 

Morire per scaldarsi (leggi anche l’articolo di Don Colmegna) …………….

Hai apprezzato? Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • Print
  • email
  • PDF
  • RSS
Pubblicato in Cultura | Commenti disabilitati

Un augurio per l’anno nuovo

MartiniCappello2005Lettura del libro dei Numeri  6, 22-27
In quei giorni. Il Signore parlò a Mosè e disse: «Parla ad Aronne e ai suoi figli dicendo: “Così benedirete gli Israeliti: direte loro: Ti benedica il Signore / e ti custodisca. / Il Signore faccia risplendere per te il suo volto / e ti faccia grazia. / Il Signore rivolga a te il suo volto / e ti conceda pace”. Così porranno il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò».

Lettera di san Paolo apostolo ai Filippesi 2, 5-11
Fratelli, abbiate in voi gli stessi sentimenti di Cristo Gesù: / egli, pur essendo nella condizione di Dio, / non ritenne un privilegio / l’essere come Dio, / ma svuotò se stesso / assumendo una condizione di servo, / diventando simile agli uomini. Dall’aspetto riconosciuto come uomo, / umiliò se stesso / facendosi obbediente fino alla morte / e a una morte di croce. / Per questo Dio lo esaltò / e gli donò il nome / che è al di sopra di ogni nome, / perché nel nome di Gesù / ogni ginocchio si pieghi / nei cieli, sulla terra e sotto terra, / e ogni lingua proclami: / «Gesù Cristo è Signore!», / a gloria di Dio Padre.

Lettura del Vangelo secondo Luca 2, 18-21
In quel tempo. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Estratto dell’omelia di Carlo Maria Martini del 1 Gennaio 2009 (Gallarate):

Ogni religione e ogni cultura celebra solennemente l’inizio dell’anno. È uno dei modi di santificare il tempo, cioè di riconoscere che nel tempo siamo contenuti e che esso è opera di Dio. La celebrazione dell’inizio dell’anno è quindi un modo con cui si esprime la nostra dipendenza da Dio. Tale carattere sacro dell’inizio dell’anno resta, almeno come nostalgia, anche nelle culture per cui il tempo non ha più alcun rapporto con il divino. Rimane cioè una sorta di fascino all’inizio di ogni nuovo anno, un fascino a cui nessuno può sottrarsi, fosse anche solo per fare qualche buon proposito, come i bambini che, quando ricevono un quaderno nuovo, esprimono la volontà di non sporcarlo mai più con una macchia.
Se ogni religione o cultura celebra solennemente l’inizio dell’anno, i tempi di tali celebrazioni sono assai diversi, anche se tutti si accordano in qualche modo sulla sua ripetizione al completamento di un anno solare … le letture di oggi vanno dunque lette applicandole a noi che iniziamo questo nuovo anno dell’era cristiana.
La prima lettura richiede anzitutto la benedizione di Dio, con le belle parole con cui si benediceva il popolo in Israele da tempo immemorabile. Per tre volte si ripete il nome del Signore, nella sua forma più arcaica e misteriosa, impronunciabile (JHWH): “Ti benedica il Signore e ti custodisca; il Signore faccia splendere su di te il suo volto; il Signore ti conceda pace!”. Possiamo leggere oggi questa invocazione come trinitaria e chiedere perciò che il Dio uno e trino sia al principio di ogni nostra azione. La terza invocazione, in particolare, chiede il dono della pace, ed è a partire da qui che i papi, da Paolo VI in avanti, hanno dichiarato il primo giorno di ogni anno giornata della pace: rivolgono perciò a tutti gli uomini di buona volontà un messaggio …
In secondo luogo chiediamo a Dio, nella lettera e nello spirito della seconda lettura, di comprendere il senso della povertà di Gesù che “non ritenne un privilegio l’essere come Dio, ma svuotò se stesso”. Qui la povertà non è solo qualcosa da combattere … Si tratta invece di un tema nodale in tutta la Scrittura, che i secoli della tradizione cristiana si sono sforzate di approfondire. Lo stesso Concilio Vaticano II a un certo punto sembrava voler fare della povertà il proprio tema centrale, intendendo racchiudere tutto ciò che aveva da dire all’interno degli sviluppi e delle conseguenze di esso.  Parecchi non lo capirono, perché ritennero che questo tema fosse piuttosto settoriale o perché lo interpretavano in maniera esclusivamente sociologica. Ma in realtà, come ha mostrato bene un grande esegeta, Padre Dominique Barthélemy,  la povertà è un tema che pervade tutta la Scrittura e che ci permette di giungere in qualche modo fino alle profondità di Dio. E forse proprio la trascuratezza e l’incertezza riguardo a questo tema non hanno permesso al Concilio Vaticano II di raggiungere tutti i frutti che faceva sperare.  Di solito per l’anno che viene ci auguriamo successo, prosperità (anche materiale), riuscita negli affari, un buon posto di lavoro, una casa dignitosa per la nostra famiglia, eccetera. Tutto ciò può essere anche utile, ma dovremmo ritenere piuttosto che la tensione verso una reale povertà e un reale distacco fa parte della nostra felicità, è nel DNA del nostro benessere.
Una terza cosa poi, che possiamo chiedere per l’anno venturo, ci viene suggerita da cinque espressioni tratte dal vangelo di oggi: “tutti si stupirono., “Maria custodiva e meditava”, “i pastori se ne tornarono glorificando e lodando Dio”. E dunque i verbi: stupirsi, custodire, meditare, glorificare, lodare. Vogliamo chiedere e augurarci reciprocamente la capacità di stupirsi di fronte alle meraviglie di Dio, la capacità di custodire e meditare la parola di Dio, la forza e l’amore per lodare glorificare Dio in ogni evento della nostra vita, qualunque esso sia, affinché ogni giorno che passa ci mostri sempre più quest’abbondanza di amore, di grazia e di misericordia che avvolge ogni cosa e che sarà rivelata in pienezza nella vita eterna.

Hai apprezzato? Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • Print
  • email
  • PDF
  • RSS
Pubblicato in Celebrazioni, Vescovo | Commenti disabilitati

Gli avvisi della settimana – 29 dicembre 2013

Continuando la contemplazione natalizia, siamo condotti dalle pagine bibliche a riconoscere in Gesù di Nazareth la sapienza e l’amore di Dio “a misura d’uomo”. “Il Figlio del suo amore – scrive San Paolo – è immagine del Dio invisibile… Dio ha voluto essere pienamente presente in lui e per mezzo di lui ha voluto rifare amicizia con tutte le cose”.

Nella Cena pasquale il Signore si presenterà ai discepoli come “la via alla verità e alla vita” e così noi lo accogliamo, giorno per giorno, lasciando che la sua luce orienti i nostri passi verso la grazia e la benevolenza, nelle quali vorremmo coinvolgere anche quanti percorrono accanto a noi il sentiero della vita ma restando estranei al Vangelo.

Martedì sera 31 dicembre alle 18 solenne messa di ringraziamento di fine anno con il canto del “Te Deum
Il 1 gennaio 2014 – 47° Giornata mondiale della Pace – le messe saranno secondo l’orario festivo.

Leggi qui il Messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale della Pace 2014

Hai apprezzato? Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • Print
  • email
  • PDF
  • RSS
Pubblicato in Avvisi, Celebrazioni | Commenti disabilitati

Tempo di Natale

Natale2013

“La celebrazione natalizia ci conduce prima di tutto presso la grotta di Betlemme, dove si è compiuto l’evento eccezionale della nascita di un bambino che è totalmente uomo e pienamente Dio. Tra le proposte religiose, nessuna, se non la fede cristiana, comprende questo meraviglioso incontro tra natura divina e umana. L’Incarnazione del Signore è ora affidata ad ognuno di noi, affinché continui ad avvenire dove viviamo: da qui usciremo andando ovunque nel suo nome, gridando con la vita la bella notizia di un Dio profondamente umano e seminando senza limiti la tenerezza, la speranza e l’amore che possiamo attingere solamente presso di lui.”

 

O Gesù,
che ti sei fatto Bambino
per venire a cercare
e chiamare per nome
ciascuno di noi,
tu che vieni ogni giorno
e che vieni a noi in questa notte,
donaci di aprirti il nostro cuore.

Noi vogliamo consegnarti la nostra vita,
il racconto della nostra storia personale,
perché tu lo illumini,
perché tu ci scopra
il senso ultimo di ogni sofferenza,
dolore, pianto, oscurità.

Fa’ che la luce della tua notte
illumini e riscaldi i nostri cuori,
donaci di contemplarti con Maria e Giuseppe,
dona pace alle nostre case,
alle nostre famiglie,
alla nostra società!
Fa’ che essa ti accolga
e gioisca di te e del tuo amore.

(Carlo Maria Martini – Natale – messa della notte – Duomo di Milano – 24.12.1995)

 

Hai apprezzato? Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • Print
  • email
  • PDF
  • RSS
Pubblicato in Celebrazioni | Commenti disabilitati

Gli avvisi della settimana – 22 dicembre 2013

Parrocchia Sant'Apollinare in BaggioDa oggi la chiesa sarà aperta dalle 7.30 alle 12 e dalle 16 alle 19: lunedì 23 e martedì 24 sono giorni dedicati alle confessioni, in preparazione al Natale del Signore.

Martedì 24, Vigilia di Natale, non ci sarà la messa del mattino: con i ragazzi ci si trova alle 17 in oratorio, per celebrare insieme poi la messa delle 18.
Per la notte, alle ore 23.30 ci sarà un momento di meditazione musicale seguito, a mezzanotte, dalla messa solenne nella notte di Natale.

Il giorno di Natale le messe avranno l’orario festivo (ore 8.30, 10, 11.30, 18 in Chiesa Nuova e alle 10.30 in Chiesa Vecchia) .

Giovedì 26 e domenica 29 le messe saranno celebrate solo in Chiesa Nuova e saranno alle 8.30, 10.30 e 18.

Il Presepe biblico (vai al sito web) è visitabile nei giorni tra Natale e l’Epifania – tranne il 31 dicembre, dalle ore 15.00 alle 18.30

Hai apprezzato? Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • Print
  • email
  • PDF
  • RSS
Pubblicato in Avvisi, Celebrazioni | Commenti disabilitati