6 marzo 2016 – Quarta Domenica di Quaresima (detta “del cieco”)

“Voi, fratelli, non siete nelle tenebre – afferma oggi san Paolo – infatti siete tutti figli della luce e figli del giorno: non dormiamo dunque come gli altri, ma vigiliamo e siamo sobri”. Dio è luce e chi lo incontra porta in se stesso un riflesso incancellabile del suo splendore, come quel non vedente al quale Gesù spalanca la vista e le relazioni con un gesto creativo.

Lo sguardo su se stessi, sugli altri, sulle speranze e sulle ansie del mondo e sul Signore che si rivela e ci viene incontro, è decisivo: Lui, che ci chiede di essere luce per il mondo e sale per tante persone vicine a noi in cerca di ragioni e di gusto per vivere, ci conceda anche di avere una fede semplice e audace come quella che quell’uomo sfiorato da Dio sa mostrare.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_06032016

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

28 febbraio 2016 – Terza Domenica di Quaresima (detta “di Abramo”)

Attraverso la figura di Abramo siamo richiamati, nel cuore del tempo quaresimale, all’essenziale della fede: essa nasce dall’ascolto, ossia dall’iniziativa di Dio, e si sviluppa come cammino, cioè entro orizzonti sempre diversi che richiedono una grande elasticità interiore. Noi, che vorremmo conoscere prima tutto il percorso, facciamo fatica quindi ad affidarci.

Decisiva è la volontà di ogni credente nel ricercare la verità, con umile sincerità e pertanto senza giudicarla a partire dalle proprie opinioni, bensì accogliendola come un dono che viene a noi dal di fuori o meglio dall’alto, da Dio, mediante l’invio del Figlio e dello Spirito. “Se siete veramente figli di Abramo – ci propone Gesù – fate opere degne di Abramo!”.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_28022016

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

21 febbraio 2016 – Seconda Domenica di Quaresima (detta “della Samaritana”)

Quanto la parola di Dio possa penetrare nel centro della vita e rinnovarla è provato anche dall’incontro, ben noto eppure sempre sorprendente, tra Gesù e la donna samaritana. Con estrema sensibilità e tenerezza il Signore la indirizza a cercare con sincerità lo sguardo di Dio e ad andare oltre le stanchezze e le delusioni accumulate con scelte forse poco avvedute.

“Se tu conoscessi il dono di Dio…”: lasciamo risuonare in noi l’eco di queste parole di Gesù. E’ questo, probabilmente, uno dei ritorni da vivere in Quaresima: considerare con maggiore attenzione la sua proposta di vita, i suoi doni e la testimonianza di luce che ci affida. Rinsaldiamo allora il legame con Lui, divenuto certo ed eterno già al “pozzo” del Battesimo.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_21022016

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

14 febbraio 2016 – Domenica all’inizio di Quaresima

“Non perdiamo questo tempo di Quaresima favorevole alla conversione!”: ecco l’invito che papa Francesco ci rivolge all’inizio di una nuova occasione di grazia e di novità. La cenere sul capo, simbolo della nostra fragilità, ci conduca all’umile vigilanza di fronte alle tentazioni che il Signore Gesù ha affrontato e vinto, infondendoci il coraggio di poter fare altrettanto.

A Lui chiediamo di ravvivare in noi il fuoco dello Spirito santo, che illumina, riscalda, scioglie e non consuma e la gioia permanente del Vangelo. Attraverso una quotidiana lotta spirituale soprattutto con noi stessi, potremo essere graditi a Dio e mettere a disposizione dei fratelli gesti e parole di amore gratuito, di cui il Signore ci ha fatto dono in abbondanza.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_14022016

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Quaresima 2016

Quaresima 2016Grazie, Signore,
che ancora ci doni la possibilità di ravvederci e salvarci:
almeno in questo tempo si faccia più intensa la preghiera:
tacciano le passioni, si convertano i cuori,
si aprano le menti alla tua Parola
che di giorno in giorno ci accompagna
nel grande cammino verso la tua e nostra Pasqua.
Grazie allo Spirito che ti ha condotto nel deserto
per essere tentato anche tu, Signore,
così ci puoi ancor più capire, noi siamo le tue tentazioni:
sensi che urlano e magie e superstizioni
e fame di prodigi e di grandezze, orgogli che impazzano,
e la mente sempre più turbata e smarrita:
Signore, benché non capiamo, noi ti crediamo per questo:
perché sei tentato come uno di noi
e tu per noi hai vinto, da solo:
se ci vuoi salvare, Signore,
non lasciarci soli nella tentazione.
Amen.

David Maria Turoldo

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Le celebrazioni della Confermazione e Prima Eucaristia con i nostri ragazzi

Domenica 24 Gennaio e Domenica 7 Febbraio abbiamo celebrato, con i nostri ragazzi di Prima Media, i Sacramenti della Confermazione e Prima Eucaristia.

24 gen 2016

7 feb 2016

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

7 febbraio 2016 – Ultima Domenica dopo l’Epifania (detta “del Perdono”)

Il tema scelto per la giornata della vita – “la misericordia fa fiorire la vita” – si pone in piena sintonia con la “domenica del perdono”, l’ultima del ciclo legato all’Epifania, che ci spinge ad avvicinarci con fiducia e disponibilità all’esperienza quaresimale, lasciando emergere, sulla traccia dell’incontro tra Gesù e Zaccheo, il desiderio di una vita nuova, più lieta e più utile.

“L’anno santo della misericordia – scrivono i Vescovi italiani – ci sollecita a togliere via il lievito vecchio e ad essere pasta nuova: bisogna abbandonare stili di vita sterili… per cambiare lo sguardo, allargare il cuore e trasformare la vita in dono, realizzando così il sogno di Dio che, da vero innamorato, vuole che la vita di ciascuno fiorisca e porti frutto”.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_07022016

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

31 gennaio 2016 – Festa della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe

La coincidenza tra la festa liturgica ambrosiana della santa Famiglia e la memoria di san Giovanni Bosco è un’occasione provvidenziale per ricordare che ogni legame di parentela – qual è essere padre, madre, figlio, fratello, zio o nonno – è un cammino educativo senza fine, nel quale a ciascuno è affidato un compito e richiesta una responsabilità.

Occorre sintonizzare la nostra vita sul progetto che Dio ha per noi e per le persone con cui viviamo e rinnovare volentieri la dedicazione con amore sincero e gratuito. Chiediamo questa grazia per i nostri familiari, per noi stessi e per tutte le situazioni di distacco e di sofferenza che conosciamo e verso le quali ci impegniamo ad essere più premurosi.

don Paolo

Qui le letture: http://spl.ink/letture_31012016

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
1 2 3 4 40